Home / Copertina / Giuliano Pisapia, ci dispiace abbiamo scherzato

Giuliano Pisapia, ci dispiace abbiamo scherzato

di Giancarlo Grassi  #Politica  twitter@gaiaitaliacom  #elezioni2018

 

 

La rincorsa verso il baratro che ingoierà D’Alema-Saturno con tutti i suoi figli è proseguita ieri con l’annuncio di Pisapia che ha scherzato e non era vero niente: se ne va a sinistra [sic] con D’Alema e i suoi sodali pronto a dare manforte con i suoi pochi decimali alla formazione del 6% se andrà bene? Non sappiamo. Ciò che sappiamo è che Pisapia ha rinunciato al progetto di unire le forze a sinistra del Pd nel suo Campo Progressista, che è già morto, perché gli ex-Sel hanno deciso di avvicinarsi, con cautela pare,  a Piero Grasso alla lista ‘Liberi e Uguali’.

Pisapia ha anche deciso di non candidarsi, e dopo qualche ora lo ha fatto anche Alfano, perché in politica ci sono anche ottime notizie, ma per fortuna [sic] la favolosa lista progressista a sinistra del PD di Renzi ci sarà e pare sarà formata da Verdi, prodiani, Centro democratico e civici, tutta roba da 20% di preferenze, come minimo, per capire cosa ha resuscitato il “no” al referendum del 4 dicembre 2016.

Giuliano Pisapia ha detto a Repubblica: “Ci abbiamo provato, per molti mesi con tanto impegno ed entusiasmo. Il nostro obiettivo, fin dalla nascita di Campo Progressista, è sempre stato quello di costruire un grande e diverso centrosinistra per il futuro del Paese in grado di battere destre e populismi. Oggi dobbiamo prendere atto che non siamo riusciti nel nostro intento. La decisione di calendarizzare lo Ius Soli al termine di tutti i lavori del Senato, rendendone la discussione e l’approvazione una remota probabilità, ha evidenziato l’impossibilità di proseguire nel confronto con il Pd”; la dichiarazione non fa onore all’acume politico di Pisapia, perché le possibilità di far approvare lo Ius Soli non dipendono dalla sua calendarizzazione, ma dalla mancanza di voti a sostegno della Legge, ostacolo superabile alla Camera, ma insormontabile al Senato.

Dunque “ci abbiamo provato”. Siccome non ci siamo riusciti ci ritiriamo nelle auguste stanze della nostra solitudine politica e prendiamo atto che ci sono state decisioni, di altri, che hanno reso impossibile il nostro lavoro. Funziona sempre così in questo paese. A causa di altri, ne sa qualcosa Berlusconi, è sempre impossibile lavorare.

Come se si passasse di lì per caso e, a causa di un ostacolo sulla strada, fossimo costretti a cambiare direzione. Lodevole.




(7 dicembre 2017)

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

 

Comments

comments

Server dedicato
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi