Home / Notizie / Interessa? / Referendum, Romano Prodi: “Sento il dovere di rendere pubblico il mio Sì”

Referendum, Romano Prodi: “Sento il dovere di rendere pubblico il mio Sì”

romano-prodi-00di Giancarlo Grassi

 

 

 

 

 

 

Romano Prodi, due volte presidente del Consiglio, già a capo della Commissione Europea e fondatore dell’Ulivo e del Pd, ha fatto lo sgambetto a D’Alema ed alla sua cricca dichiarando che al referendum costituzionale del 4 dicembre voterà “Sì”.

 

“Riforme non chiare ma voto per mia storia personale”, ha continuato l’ex presidente del Consiglio che lasciò il testimone a D’Alema dopo essere stato sfiduciato per un voto (chissà di chi era quel voto), approfondendo poi la questione della sua scelta di campo con una dichiarazione che lascia poco spazio a dubbi: “Anche se le riforme proposte non hanno certo la profondità e la chiarezza necessarie, tuttavia per la mia storia personale e le possibili conseguenze sull’esterno, sento di dovere rendere pubblico il mio sì, nella speranza che questo giovi al rafforzamento della nostre regole democratiche soprattutto attraverso la riforma della legge elettorale“.

 

Il referendum costituzionale si terrà domenica 4 dicembre.

 

 

 

 

(30 novembre 2016)

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2016 – diritti riservati, rirpdouzione vietata

Comments

comments

gaiaitalia.com

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi