Pubblicità
15.4 C
Roma
13.8 C
Milano
martedì, Aprile 16, 2024
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeCopertinaI parlamentari ungheresi dicono no alla riforma anti-immigrati di Victór Orban

I parlamentari ungheresi dicono no alla riforma anti-immigrati di Victór Orban

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

ungheria-jobbickdi Ahmed Naouali

 

 

 

 

 

 

 

Aveva già rimediato un calcio nei denti dal suo popolo, quello che considera sua proprietà, il dittatore Orban, quando il referendum anti-immigrati di quattro settimane fa non aveva raggiunto il quorum. Ora anche il parlamento ungherese ha votato contro l’emendamento costituzionale che doveva inserire in Costituzione l’odio per lo straniero del partito populista di Orban. Il parlamento ungherese ha detto “No” ed è la prima sconfitta di Orban dal 2010. Scrive Rainews che la proposta è stata votata da 131 deputati, tutti del partito populista Fidesz di Orban ma per la maggioranza qualificata dei due terzi erano necessari 133 voti. Come previsto è mancato l’appoggio del partito di estrema destra Jobbik (nella foto) che in cambio del voto dei suoi deputati chiedeva al governo la soppressione dei cosiddetti “titoli di insediamento”, ossia la possibilità per gli stranieri di acquistare un diritto vivere in Ungheria comprando buoni speciali del tesoro per l’equivalente di 300 mila euro.

 

 

 

 

(8 novembre 2016)

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2016 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

Pubblicità

LEGGI ANCHE