17.5 C
Roma
16.4 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
HomeCopertinaGrillo batte cassa per le palanche, vuoi vedere che son uguali a...

Grillo batte cassa per le palanche, vuoi vedere che son uguali a tutti gli altri?

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Beppe Grillo 26di Il Capo

 

 

 

 

 

 

 

 

In realtà un po’ di tristezza la danno, non è vero? Perché anche se non c’avevi creduto mai, anche se sapevi che si trattava di una cialtronata peggiore di tutte le altre, anche se a quelli lì non daresti in custodia neanche il tuo gatto, anche se… In fondo in fondo ti rimaneva sempre una speranza che chi predica bene poi si comporti anche di conseguenza, anche se li vedevi ed osservavi: i visi trasfigurati dall’ebbrezza del potere, le balle per mantenerselo quel potere, i maneggi dopo avere conquistata l’agognata poltrona contestata agli altri, le assurde giustificazioni sul nulla che sono. Sei costretto a dire che sì: anche loro sono come tutti gli altri. Fors’anche peggio. Ma, almeno, hai la consolazione di non averli votati e la certezza che non lo farai mai.

 

Poi arriva il Vate del Movimento che doveva cambiare l’Italia: quello della traversata a nuoto, il secondo della serie, non molto diverso dal primo, solo con più capelli: stesso gusto per il grido e l’incongruenza, stesso gusto per la “democrazia per tutti, ma comando io”. Li imbonisce tutti quelli che prima si erano fatti imbonire dal Berlusca del partito di plastica e del partito-azienda – perché all’Italiano piace tanto l’imbonitore che gli urla slogan e non lo lascia pensare, tanto pensare a che serve? – e si trasforma in un lungimirante opportunista dalla vena poetica alla Jovanotti, che fa tanto “umanità”: “Sta per arrivare un temporale, ci sono i fulmini. Siamo sul mare, l’orizzonte. Oltre l’orizzonte l’utopia del MoVimento 5 Stelle”; presta il fianco alle battute sul talento poetico, il Vate, ma fa un’ammissione suo malgrado. E ci sbugiarda, perché noi pensavamo che oltre l’orizzonte ci fosse la Croazia. E’ che siam volgarotti e di paese…

Dice, il Vate, che il M5S è “un’utopia”, come se nessuno se ne fosse accorto, quindi colto da subitaneo pentimento, come il padre che si preoccupa della casse della famiglia per far crescere i figli, eccolo Il Vate delle Palanche, alle prese con l’inevitabile pragmatismo del politico che doveva “farsi di lato” come il Berlusca, ed invece sempre lì te lo ritrovi. Parla di solidarietà, l’Aulico Compassionevole, ma non di quella delle solite “10.000 persone che versano 30-40 euro a testa. Bisogna fare qualcosa di più, bisogna che anche altri diano qualcosa. Mi ha fermato una persona che mi ha detto ‘sono otto volte che do 30 euro, non ce la faccio più’. Bisogna trovare otto persone che diano 30 euro a testa”, serve la “solidarietà” [sic] anche di altri. Insomma, che la canti chiara: servono piccioli. E più sono meglio è.

 

Quindi il pragmatismo lascia spazio alla sfacciataggine,  che è meglio non smentirsi: sono stati raccolti 105556 euro dai donatori che, come vedete, sono migliaia di milioni e spunta

 

M5S Donazioni 9 agosto

 

la solita solfa del M5S che “non riceve alcun finanziamento pubblico”, una delle balle spaziali dell’utopia a 5Stelle dato che, come risulta dal dossier di Openpolis, (mai smentito) i finanziamenti il M5S li prende e li usa (tabella in basso). Ma la vita è cattiva, lunga e difficile (e meno male che prima o poi ti presenta il conto), così che il Vate dell’Utopia chiama in causa l’evento “Italia a 5 Stelle” che ha, evidentemente, bisogno di soldi.

 

M5S Openpolis Dicembre 2015 Camera 14-1024x1024

 

 

E’ davvero triste essere nati per cambiare il mondo e scoprire che, per cambiarlo, hai bisogno di soldi che devi chiedere ad altri.  E’ evidente che, se non gliela racconti giusta, i piccioli non arrivano. Così che ti tocca pure far finta di essere un poeta. Il magico e dorato mondo a 5Stelle vi aspetta. Bastano una quarantina di euro, ma non dei soliti diecimila. Venite adoremus.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(9 agosto 2016)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2016 – diritti riservati, riproduzione vietata

 


 

 

Pubblicità

LEGGI ANCHE