Home / lgbtqi / Africa & Maghreb lgtb / Uganda, l’accusa di sodomia ad un ex allenatore di calcio era una balla. Scarcerato

Uganda, l’accusa di sodomia ad un ex allenatore di calcio era una balla. Scarcerato

Chris Mubiru 00di Paolo M. Minciotti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ricorderete la squallida vicenda dell’ex allenatore di calcio condannato a dieci anni per sodomia in quel Principato della Tolleranza che è l’Uganda, nonostante non ci fossero prove, nonostante la presunta vittima avesse aspettato anni a denunciare la presunta violenza subita, nonostante avesse affermato di essere stato drogato, nonostante tutto ciò che era stato inventato dall’orribile stampa attorno al caso?

 

Ebbene, non era vero nulla. E l’uomo è stato rilasciato qualche giorno fa dopo quasi un anni nelle carceri ugandesi, condannato a dieci anni senza colpa e dopo che la sua vita di essere umano è stata devastata dagli schifosi chiacchiericci che i giornalacci del paese hanno pubblicato.

 

Il calvario di Chris Mubiru si riassume in queste righe tratte dall’articolo che il nostro quotidiano ha pubblicato l’8 settembre del 2015, l’uomo è stato dichiarato colpevole di “sodomia non-consensuale” e di avere “conoscenza carnale della sua vittima” da una corte della capitale Kampala secondo la quale l’evidenza dell’avvenuta sodomia non consensuale sarebbe da riscontrarsi in pastiglie contro il dolore e crema per la pelle: le prime usate per alleviare il dolore provocato dai rapporti anali e la seconda per facilitare la penetrazione. Evidenze schientifiche [sic] che il magistrato Flavia Nabazoka ha considerato elementi di colpevolezza “oltre ogni ragionevole dubbio”. L’uomo è stato accusato di violenza sessuale da un giovane che avrebbe avuto rapporti sessuali non consensuali con lui nel 2009. Sarebbero poi stati esperti di laboratorio [sic] a dichiarare che la “crema per la pelle rinvenuta nella casa dell’accusato sono usate dagli omosessuali per facilitare la penetrazione anale” e che le pastiglie di antidolorifico “servono ad alleviare il dolore provocato dalla sodomia”.

 

Era tutta una balla. La Corte Suprema di Kampala ha ribaltato il verdetto ed ha rilasciato immediatamente Chris Mubiru perché la vittima non avrebbe dovuto aspettare fino al 2013 per denunciare la violenza, se violenza c’è stata, e perché non esistono prove mediche sufficenti e nessun’altra prova evidente che dimostrino l’avvenuta violenza. L’accusato si era sempre dichiarato innocente.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(21 aprile 2016)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2016 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

Comments

comments

gaiaitalia.com

x

Check Also

#Budapest2017: strabiliante record del mondo di Adam Peaty sui 50m rana: 25″95!

Share this on WhatsAppdi Filomena Filippetti         Pazzesco record del mondo sui 50m rana maschili del britannico Adam Peaty ai Campionati Mondiali di Budapest 2017 che, dopo avere nuotato nelle batterie del mattino 26″10 ha superato se stesso nella finale del pomeriggio con un entusiasmante (e stellare!) 25″95 che ...

“Viva gli abbracci e viva la nostra sinistra”, di Anna Rita Leonardi

Share this on WhatsAppdi Anna Rita Leonardi, twitter@annaleonardi1     La parola “compagni” è ciò che ha sempre contraddistinto l’identità della sinistra. Chiamarsi “Compagni” è un modo per unire, per stare insieme, tutti sotto gli stessi valori. Ecco, davanti alla polemica dell’abbraccio Pisapia – Boschi, da parte di chi vorrebbe ...

Siamo in attesa di ricevere le direttive di Mdp su come stringere la mano e quando (e come) abbracciarci

Share this on WhatsAppdi Daniele Santi, twitter@gaiaitaliacom     Eccoci così costretti, noi ignoranti bufali senza senno, ad aspettare le nuove direttive di Mdp sulla stretta di mano e gli abbracci. E’ questo il profondo cambiamento politico che il partitino dei (senza) Speranza si propone per l’Italia? Non sappiamo. E’ ...

Finanziamenti pubblici ai partiti: la Lega deve restituire 48 milioni di euro

Share this on WhatsAppdi Gaiaitalia.com, twitter@gaiaitaliacom     Eccoli gli arzilli pargoli della truffa leghista ai danni dello Stato, quelli che gridavano “Roma ladrona” dalle piazze e poi facevano ciò che volevano con 48 milioni di euro che ora dovranno essere confiscati proprio alla Lega, come deciso dai giudici. Eccola ...

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi