N)v8mxJD#1BjWFxqTDvWhqPw
26.8 C
Roma
28.2 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
cielo sereno
23.7 ° C
25.6 °
21.7 °
70 %
2.6kmh
2 %
Gio
27 °
Ven
28 °
Sab
27 °
Dom
22 °
Lun
26 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeNotizieAfrica, Nord Africa & Medio OrienteGambia, il dittatore Yammeh trasforma il paese in Repubblica Islamica

Gambia, il dittatore Yammeh trasforma il paese in Repubblica Islamica

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Yammeh 00di Daniele Santi

 

 

 

 

 

L’orrendo dittatore Yammeh ha compiuto il suo capolavoro: dopo avere ridotto il suo paese alla fame, averlo fatto uscire dal Commonwealth accusando quest’ultimo di essere un’organizzazione “neocoloniale”, avere espulso il rappresentante dell’Unione Europea, tutto naturalmente senza rinunciare al denaro che dall’Unione Europea e dal Commonwealth arrivava sotto forma di aiuti umanitari poi ritirati per le continue violazioni dei diritti umani, ha stabilito unilateralmente che il milione e ottocentomila abitanti del Gambia, 95% di essi musulmani, saranno cittadini di una Repubblica Islamica di stampo iraniano perché a lui piace così.

 

L’annuncio è stato dato alla fine dello scorso dicembre ed ha lasciato attoniti gli abitanti del paese che vedranno ridursi le loro già limitatissime libertà personali, ma la grande compassione del dittatore che mezzo mondo odia ha subito lasciato intendere che le donne del paese non avrebbero subito limitazioni alle loro libertà personali, salvo ordinare subito dopo con un decreto governativo che tutte le donne indossimo il velo sui posti di lavoro.

 

La carta costituzionale del Gambia definisce il paese uno stato laico, ma Yammeh se ne frega, confortato dall’appoggio e dal giubilo degli Imam del paese subito accorsi a celebrare la lieta islamista novella e ricevuti dal vicepresidente del paese e ministro per le Politiche Femminili. Una donna.

 

Il Gambia è una sottile striscia di terra con sbocco al mare completamente circondata dal Senegal. Non è difficile immaginare che sarà proprio Dakar, già nel mirino del terrorismo islamista, a subire i primi contraccolpi dell’istituzione della teocrazia del Gambia nella regione. Difficile non immaginare un disegno più ampio per la completa destabilizzazione della zona che venga proprio dall’estremismo sciita.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(13 gennaio 2016)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2016 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

Roma
cielo sereno
26.8 ° C
30.2 °
25.3 °
66 %
2.2kmh
0 %
Gio
36 °
Ven
36 °
Sab
36 °
Dom
35 °
Lun
34 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE