19.5 C
Roma
19.7 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
cielo coperto
16.6 ° C
18.7 °
14.8 °
82 %
1.2kmh
97 %
Mar
22 °
Mer
23 °
Gio
25 °
Ven
23 °
Sab
21 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeCopertina"E' spuntato il sole e sembrava un segno dal cielo", annamo bbene...

“E’ spuntato il sole e sembrava un segno dal cielo”, annamo bbene…

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Bergoglio 01di Il Capo

 

 

 

 

 

 

Collegamenti a tutto spiano di tutti i mezzi d’informazione, con le radio nazionali che si affannano alla ricerca della testimonianza straordinaria che aprirà le porte all’ascolto con la “A” maiuscola, che è la stessa “A” di Alto, o dall’Alto, che è perfettamente coerente con il momento del’anno santo. Tra le varie chicche, Alemanno in fila dalle prima ore del mattino per passare dalla porta santa tanto perché si capisca bene quale pubblico acclude all’olimpiade del fioretto targata Bergoglio, che si augura che il Giubileo porti a tutti bontà e tenerezza. Magari all’ex sindaco di Roma va anche bene.

 

 

 

 

Poi tante testimonianze audio dalle varie radio nazionali: una su tutte, geniale nella sua medievalità. “C’era qualche nuvola, ma poi è spuntato il sole e sembrava un segno dal cielo”, perché si capisca che i fanatici del fioretto vivono ancora nell’epoca pre-Keplero.

 

Poi tanti inni alla tolleranza, che venendo dalle armate cattoliche in passato per troppo amore erano disposte a toglierti la vita pur di salvare la tua anima, suona strano. Certo adesso i cattivoni sono quelli del sedicente stato islamico, che ti tagliano la testa dopo averti vestito d’arancione e ripreso con la telecamera, mentre più umilmente in passato la santa chiesa di Roma bruciava la gente dopo torture raffinatissime, tanto per fargli ammettere di avere peccato. Tutto un fiorire di restyling: interviste radiofoniche che propagano le voci dei fedeli che, rotte dall’emozione, parlano della grandezza bergogliana, gli stessi che parlavano della grandezza ratzingeriana (e ci voleva pelo prosciutto sugli occhi per vederla) e prima ancora dei miracoli del papa polacco.

 

La drammaturgia è la solita, la regia pedissequamente uguale a sé stessa. E’ il solito spettacolo. Fedeli sinceramente prostrati di fronte alla divinità della quale la chiesa dovrebbe essere testimone e il solito drappello di potenti in passerella. A questo Bergoglio non è ancora riuscito a porre rimedio. Dubitiamo ci riuscirà. Certo è un giubileo con due papi. Mica scherzi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(8 dicembre 2015)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2015 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

Roma
cielo sereno
19.5 ° C
21.7 °
15.8 °
62 %
1.5kmh
0 %
Mar
33 °
Mer
35 °
Gio
39 °
Ven
35 °
Sab
32 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE