Home / Copertina / Putin dice di bombardare l’Isis, ma scaraventa le bombe sugli oppositori di Al Assad
Trivago

Putin dice di bombardare l’Isis, ma scaraventa le bombe sugli oppositori di Al Assad

Vladimir Putin 14di Giancarlo Grassi

 

 

 

 

 

Quando c’è di mezzo Putin è sempre meglio non fidarsi. L’uomo che ha scatenato la guerra in Ucraina incolpando gli Ucraini di essere anti-russi e che si è annesso la Crimea senza che Obama dicesse una parola, senza che l’Unione Europea dicesse una parola, senza che l’ONU facesse un’azione degna di essere chiamata tale, ha dato il via ad incursioni aeree contro l’ISIS e lo ha fatto, per dirla con una battuta, “alla Russa”. Bombardando cioè gli oppositori a Bashar Al Assad.

 

Lo denunciano gli oppositori, lo denunciano gli Stati Uniti, lo denuncia l’ONU, lo denunciano le associazioni per i Diritti Umani. I Russi smentiscono, naturalmente. Smentiscono anche la morte di civili. I Russi semntiscono tutto. Anche di essere dietro ogni progetto di destabilizzazione della regione, fregandosene dell’ISIS e di ciò che rappresenta in nome dell’espeansionismo neo-sovietico messo in atto dal paranoico Putin.

 

Non tutti, temiamo pochi, sanno che una delle mille ragioni per cui l’ISIS può decidere di ammazzare qualcuno – loro fanatismo finto-religioso a parte – è la critica o l’opposizione al dittatore siriano Bashar Al Assad, lo stesso che in televisione ha la faccia tosta di dire che lo Stato Islamico è voluto dall’Unione Europea.

 

La Russia contina nel frattempo i suoi raid contemporaneamente a quelli americani e a quelli della Francia (30 jihadisti morti, è l’ultimo bollettino) mentre l’ISIS tra vendita a trafficanti di cimeli antichi (per questo distruggono i monumenti) e traffico di petrolio, tra accordi con Bashar Al Assad, l’immobilismo occidentale e la paranoia di Putin, si porta a casa qualcosa come 3 milioni di dollari al giorno.

 

Putin è sceso in campo non contro l’ISIS, ma per salvare il dittatore Al Assad.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(1 ottobre 2015)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2015 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

Comments

comments

Trivago

gaiaitalia.com

x

Check Also

“Ti facciamo abortire negra di m…”, l’allegra giovane coppia formata da lei e lui esempio di odio razzista

Share this on WhatsAppdi Giancarlo Grassi, twitter@gaiaitaliacom     Eccoli là sull’autobus a Rimini, in tempo di vacanze, lei 19enne, lui 22enne. Una mano si infila abile e silenziosa in una borsa e ne estrae un cellulare. La proprietaria, una donna africana che aspetta un bambino, se ne accorge e ...

Attentato a Barcellona: dodici morti e sessantaquattro feriti. Due arresti e due ricercati

Share this on WhatsAppdi G.G., twitter@gaiaitaliacom     (aggiornamento 17/08/2017, ore 20.00) Sono almeno dodici i morti nell’attentato islamista che ha colpito Barcellona attorno alle 17.00 del 17 agosto. Secondo alcune notizie i terroristi sarebbero asserragliati in un bar. Altre notizie smentiscono questa versione. I Mossos D’Esquadra riferiscono con un ...

Il PIL è aumentato “Perché ha fatto caldo”: Barbara Lezzi del M5S è da Premio Ignobel

Share this on WhatsAppdi Giovanna Di Rosa, twitter@gaiaitaliacom   Lei è la “stellare” esponente del M5S Barbara Lezzi, profonda conoscitrice dell’economia e dei suoi meccanismi, deputata nel parlamento italiano per volere del Sacro Blog, l’ennesima miracolata per intenderci, che in mezzo alla calura ferragostiana, colta da subitaneo fragore neuronico dopo ...

Il “non sono razzista, la mia ragazza è straniera”, sostituisce l’obsoleto “ho tanti amici gay”

Share this on WhatsAppdi Il Capo, twitter@gaiaitaliacom     Un tempo erano di moda dire “Io non ho niente contro i gay, ho tanti amici gay“, specializzato nella locuzione il triste senatore Giovanardi così terrorizzato dall’idea di finire all’inferno che gli toccherà finirci sul serio; era come quando si diceva ...

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi