9.5 C
Roma
sabato, Ottobre 16, 2021

Insomma Matteo Renzi è “fiero” perché “presto avremo una legge sui Diritti Civili”, magari anche decente…

Matteo Renzi 36di Daniele Santi

 

 

 

“Sono fiero perchè avremo presto una legge sui diritti civili”, ha annunciato Renzi dal palco della Festa de l’Unità di Milano. “Dopo anni di rinvii avremo una legge sui diritti civili. Lo facciamo per noi, per la dignità del nostro Paese. Facciamo le mediazioni possibili, ma poi si chiude”.

 

La speranza è che sia anche una legge decente. Che le varie demenziali denominazioni che vengono approvate in Commissione Giustizia coi colpi di mano dei soliti noti, siano poi asfaltate dal poco buon senso che ancora rimane alla Camera (ce n’è poco, ma ce n’è), che tutto quello che viene proposto per proporre soluzioni umilianti per le coppie dello stesso sesso venga bloccato; che l’idea di scardinare la legge dall’art.29 della Costituzione con una nomignolo da bar leghista, venga nuovamente e rapidamente sostituita da un ritorno alla dignità, per poca che fosse, rappresentata dall’idea originale di dare pari diritti e doveri a tutte le famiglie. Figli compresi.

 

L’urgenza è dare cittadinanza effettiva a milioni di cittadini che in questo paese l’hanno vissuta soltanto di fatto, partecipando attivamente alla vita della nazione come contribuenti, ma non solo, ed essendone però esclusi in quanto a diritti sanciti dalla Costituzione e dalla Dichiarazone dei Diritti dell’Uomo.

 

Questa Italia delle minoranze di potere che fanno il bello ed il cattivo tempo sulla pelle degli altri deve finire. Questo stato costituzionalmente aconfessionale trasformato in una teocrazia da un gruppo di fanatici che hanno occupato il parlamento a sostegno dei cialtroni che hanno governato negli ultimi vent’anni devono essere rimessi al loro posto, che è quello che spetta ai fanatici, cioè fuori dalle Istituzioni.

 

E’ quello che ci aspettiamo da Matteo Renzi, premier che vuole rivoluzionare l’Italia a parole e che nei fatti è purtroppo molto meno efficace o molto più alle prese con le farraginosità del sistema bicamerale. E non abbiamo scritto che sia colpa sua.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(7 settembre 2015)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2015 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

POTREBBERO INTERESSARTI

SEGUITECI

4,687FansMi piace
2,378FollowerSegui
120IscrittiIscriviti
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: