19.5 C
Roma
giovedì, Ottobre 21, 2021

Roma Pride 2015, per gli organizzatori 500mila persone: e tutti applaudivano al loro passaggio

foto: Rossana Praitano
foto: Rossana Praitano

di Paolo M. Minciotti

 

Decine di migliaia di persone hanno sfilato per la strade della Capitale in occasione del Roma Pride 2015, partito alle 16.00 da piazza Repubblica, con in testa al corteo il sindaco Ignazio Marino, Alessandra Cattoi, Aurelio Mancuso. Madrina Federica Sciarelli, con Nichi Vendola qualche passo dietro al sindaco che approfitta della visibilità che si è cercato per fare finta di essere progressista e si scaglia contro le Unioni Civili, “Una legge vecchia”. Lui invece è giovane.

 

C’è anche tutto il sacro dirigentume lgbt sooo #Human.

 

Repubblica, con pessimo gusto, chiama la manifestazione “Family Gay”, e poteva evitarlo, poi scopriamo che il nomignolo è mutuato da uno degli organizzatori, speriamo non sia vero.

 

Nello stesso giorno del Roma Pride 2015, le gerarchie ecclesiastiche tornano a scagliarsi contro le Unioni Civili con parole durissime: “Equipararle al matrimonio sacramentale è inaccettabile e contro l’antropologia biblica e cristiana”. Parole al vento, perché alla chiesa non crede più nessuno se non quattro fanatici disperati che però hanno in mano un grandissimo potere temporale. E sono i più pericolosi.

 

Ora, in attesa del 28 giugno, si aspettano nuove dal Parlamento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(13 giugno 2015)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2015 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

POTREBBERO INTERESSARTI

SEGUITECI

4,687FansMi piace
2,381FollowerSegui
120IscrittiIscriviti

Iscriviti alla nostra Newsletter settimanale

Rimani aggiornato sulle principali notizie e sulle nostre iniziative editoriali e culturali

Iscrivendoti, accetti di ricevere promozioni
(n.b. Non riceverete più di quattro newsletter mensili)
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: