Pubblicità
7.7 C
Roma
9.7 C
Milano
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023
PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition
Pubblicità
Pubblicità
HomeNotizieAfrica, Nord Africa & Medio OrienteAttentato a Tunisi ancora senza rivendicazioni: 22 vittime, 20 feriti gravi

Attentato a Tunisi ancora senza rivendicazioni: 22 vittime, 20 feriti gravi

Tunisi Bardo 00di Ahmed Naouali

 

Ventidue morti, venti feriti gravi, due tunisini tra le vittime, un paese sotto choc, lutti nazionali. E’ il bilancio dell’ennesimo attentato di matrice islamista che insanguina il mondo civile e l’unico stato dell’area del Maghreb che sia stato capace di compiere fino in fondo il suo percorso interno verso una democrazia. Quella democrazia che gli islamisti chiamano “morte”.

 

Non ci sono notizie certe, nemmeno sulle vittime. Non ci sono mandanti. Due terroristi uccisi. Uno arrestato. Forse altri due sono riusciti a fuggire. Tra i turisti uccisi anche due Italiani, poi pare cittadini di nazionalità polacca, inglese e spagnola. Certezze non ce ne sono. L’unica: l’attentato era diretto contro l’Assemblea Nazionale tunisina, il Parlamento insomma, dove si stavano discutendo nuove misure antiterrorismo.

 

Si stupiscono i media italiani della rapidità ed accuratezza delle teste di cuoio tunisine: si stupisce chi non conosce questa terra meravigliosa ed il suo popolo. Non noi.

 

E’ stato Boko Haram, prima di un massacro costato la vita a 2mila persone, a gridare “Scegliete tra l’Islam, la vita, e la democrazia, la morte”. Non c’è nulla di religioso in un terrorista che ordina la morte di 2mila persona, di altri uomini e donne, di altri esseri umani. La religione e l’odio per la cultura sono la maschera. Dietro la laschera solo odio per la vita.Tunisia Attentato 18 marzo - 00 Teste di Cuoio

 

Dietro i terroristi non sappiamo chi possa esserci: altre quattro persone che avrebbero appoggiato l’attacco sono state arrestate dalle autorità tunisine. Il Presidente del paese ha avvertito che altri attacchi sono possibili. Tutto è possibile all’interno di questa propaganda del terrore che mina a fomentare il pregiudizio anti-islamico nella popolazione mondiale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(18 marzo 2015)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2015 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

In Evidenza