Home / lgbti / Africa & Maghreb lgtb / E in Uganda comincia la pubblicazione dei nomi di omosessuali, il Nazismo antigay avanza

E in Uganda comincia la pubblicazione dei nomi di omosessuali, il Nazismo antigay avanza

Africa Anti Gay Lawsdi Daniele Santi

Era nell’aria, lo avevano già fatto nel 2011 provocando l’assassinio dell’attivista David Kato, ora gli orrendi giornali ugandesi ripetono il gioco incuranti delle conseguenze e protetti dalla legge.

Sono duecento nomi, li chiamano “Top Gay” e sono messi alla berlina con nomi e cognomi in prima pagina: tra loro un prete cattolico, un cantante hip-hop e importanti attivisti omosessuali fra cui Pepe Julian Onziema (curioso che l’Ansa pubblichi solo il suo nome e non quello del prete, ad esempio), uno degli attivisti africani più conosciuti, che da tempo sostiene come la legge anti-gay scatenerà la violenza contro gli omosessuali nel paese.

Sono di oggi le disgustose dichiarazioni del presidente Museveni  che ha detto, tra le altre cazzate, che la misura era necessaria in quanto l’Occidente sta promuovendo l’omosessualità in Africa (guardandosi bene dal denunciare la promozione dell’omofobia da parte degli integralisti religiosi di destra che arrivano dagli USA).

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2014
diritti riservati
riproduzione vietata
[useful_banner_manager banners=8 count=1]

 

 

Share and Enjoy !

0Shares
0 0

Comments

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi