17.5 C
Roma
17 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
cielo sereno
9.8 ° C
12.1 °
7.6 °
93 %
3kmh
0 %
Mar
18 °
Mer
17 °
Gio
19 °
Ven
18 °
Sab
16 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeLGBTIQ+Cile, ergastolo per il capo del commando Neonazista che uccise Daniel Zamudio

Cile, ergastolo per il capo del commando Neonazista che uccise Daniel Zamudio

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Daniel Zamudiodi Paolo M. Minciotti

Lo avevano torturato per sei ore, riducendolo a una larva umana, dopo averlo aggredito in un parco cittadino mentre se ne tornava a casa. Daniel Zamudio morì un mese dopo tra atroci sofferenze, senza avere ripreso conoscenza.

I quattro Nazisti, tra i 19 ed i 25 anni, sono stati condannati dal tribunale di Santiago e la sentenza è stata resa nota lo scorso 28 ottobre: 15 anni per due di loro ed ergastolo per Patricio Ahumada, capo del commando, che ha iniziato uno sciopero della fame contro la sentenza, probabilmente ritenendo che la sua condanna sia ingiusta: perché si ha sempre una percezione personale della giustizia, come la storia del Nazismo dimostra.

Fabián Mora, uno dei quattro assassini, è stato l’unico a dichiararsi colpevole ed è stato condannato a 7 anni di prigione.

L’assassinio brutale ed ingiustificato, motivato da odio verso “un essere umano e da crudeltà”, come disse il giudice durate la lettura della sentenza, portò il governo cileno a varare una severa legge antidiscriminazione conosciuta come “Legge Zamudio”.

 

 

 

 

[useful_banner_manager banners=8 count=1]

©gaiaitalia.com 2013
tutti i diritti riservati
riproduzione vietata

[useful_banner_manager banners=34 count=1]

 

 

 

 

 

[useful_banner_manager banners=27 count=1]

 

 

 

Roma
cielo sereno
17.5 ° C
19 °
14.5 °
64 %
2.1kmh
0 %
Mar
26 °
Mer
26 °
Gio
25 °
Ven
24 °
Sab
20 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE