19.5 C
Roma
giovedì, Ottobre 21, 2021

La Teocrazia riceve il dittatore Mugabe, perdono il pelo…

Robert Mugabedi Giovanna Di Rosa

Cambiano gli uomini, gli anelli, i metalli, le parole, i significati e i significanti, cambiano i gesti, la propaganda, ma gli usi e i costumi no, non cambiano mai.

La Teocrazia di Roma e i suoi sudditi, preda dell’orgasmo infinito provocato dall’elezione del loro nuovo Capo, ricevono senza proferir verbo la notizia dell’arrivo a Roma per le festivities del dittatore Robert Mugabe, inviso a mezzo mondo, che non può viaggiare in Europa, ma in Vaticano sì, perché può muoversi per “motivi religiosi”.

Dopo la foto del papa polacco con Pinochet, la benedizione del pastore tedesco alla politica ugandese che vuole la pena di morte per i gay, la grande compassione della Teocrazia di Roma, che cambia il pelo, ma non il vizio, si manifesta ancora una volta.

Venite adoremus…

POTREBBERO INTERESSARTI

SEGUITECI

4,687FansMi piace
2,381FollowerSegui
120IscrittiIscriviti

Iscriviti alla nostra Newsletter settimanale

Rimani aggiornato sulle principali notizie e sulle nostre iniziative editoriali e culturali

Iscrivendoti, accetti di ricevere promozioni
(n.b. Non riceverete più di quattro newsletter mensili)
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: