Marocco, minacce agli organizzatori della marcia del 20 febbraio

Pubblicità

Condividi

Il giovane capo del grupo che ha organizzato la ”marcia per la democrazia e libertà’‘ attraverso una convocazione di massa via Facebook, prevista per il 20 febbraio, ha denunciato alla stampa

spagnola minacce e telefonate minatorie. Le autorità marocchine temono che alle manifestazioni che hanno caratterizzato negli ultimi giorni le città di Fez, Agadir, Tangeri e Rabat, possa davvero seguire la ”madre di tutte le manifestazioni”, organizzata per il 20 febbraio e che solo in Facebook ha già conquistato circa ventimila seguaci. Il giovane leader dell’organizzazione Osama El Jalifa ha denunciato minacce e tentativi di corruzione. Il governatore di Rabat avrebbe telefonato alla sua famiglia chiedendo di sapere ”quanto” volevano per fare in modo che ‘‘tutto questo” (sic!) non avesse seguito. Il giovane sarebbe stato convocato dalla Polizia per un incontro vis-a-vis, incontro che è stato rifiutato.

Pubblicità

altre notizie

I No Green pass chiamano il 112 della Polizia per dire che la Polizia li blocca senza sapere che al 112 risponde la Polizia

di Daniele Santi, #poverinoi Così, visto che erano circondati dalla polizia, per dirla alla Ridolini cercando di evocare le espressioni soddisfatte...

Quelli che “già a Pompei” c’era un “mosaico” che “conteneva un QR code per il Green pass”

di Giovanna Di Rosa, #bufale E' proprio quella magnifica invenzione che è Bufale.net a riportare la notizia. I creduloni...

David Sassoli ricoverato in ospedale in Italia dal 26 dicembre

di Redazione Politica Il presidente del parlamento europeo David Sassoli è ricoverato dal 26 dicembre in ospedale in Italia per complicazioni...

Iran. Ventenne decapitato dalla famiglia perché omosessuale

di Ragazzi di Tehran, #Iran Aveva 20 anni e si chiamava Alireza Monfared. Aveva vent'anni e voleva una nuova vita....
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: