33.1 C
Roma
29.6 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
nubi sparse
25.8 ° C
27 °
24.4 °
62 %
2.7kmh
81 %
Gio
25 °
Ven
24 °
Sab
26 °
Dom
30 °
Lun
29 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeAmbienteOrsi e altri animali: quando l'antropocentrismo distrugge la fauna selvatica

Orsi e altri animali: quando l’antropocentrismo distrugge la fauna selvatica

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Redazione

“Sono rimasti tutti molto scossi dalla mamma orsa JJ4 che pare abbia ucciso il runner Andrea Papi per difendere i suoi cuccioli. Così come rimaniamo ogni volta colpiti dalle notizie dell’abbattimento di cinghiali, nutrie, scoiattoli grigi, lupi, volpi, caprioli. Potremmo continuare all’infinito. Ma occorre ricordare che la maggior parte di questi animali è stata reintrodotta dall’uomo. Il progetto “Life Ursus” era finalizzato alla ricostituzione di un nucleo vitale di orsi nelle Alpi Centrali tramite il rilascio di alcuni individui provenienti dalla Slovenia. Le nutrie sono state introdotte in Italia all’inizio degli anni Venti del secolo scorso, per la prima volta in Piemonte, per la produzione di pellicce, il ben noto “castorino”. Quando il mercato di queste pellicce entrò in crisi le aziende chiusero e gli animali furono liberati in natura. Stessa sorte per lo scoiattolo grigio: è stato introdotto in Italia già dal 1948 in Piemonte. Ad oggi però si è diffuso in tutta la nostra penisola in maniera esponenziale per motivi ancora poco chiari. Ora si scopre che questo animale costituisce un grave problema per il nostro ecosistema per diversi motivi tra cui: entra in conflitto con lo scoiattolo rosso che rischia l’estinzione, danneggia boschi e aree verdi d’Italia.

Il lupo viene costantemente demonizzato da articoli che quasi quotidianamente ci informano su qualche attacco alle greggi, o alle persone, quando sarebbe utile difendere le greggi con un’opportuna recinzione e per quanto riguarda l’attacco alle persone, è risaputo (lo dicono le statistiche) che il lupo non attacca l’uomo. Per quanto riguarda il cinghiale, in tutta Italia la loro presenza è frutto della  discendenza di animali introdotti dai paesi dell’est europeo nel dopoguerra oppure generati dall’ibridazione causata dall’accoppiamento con i maiali lasciati allo stato brado. È di questi giorni la notizia che nel comune di Agliè in provincia di Torino verranno adottati dei falchi per dichiarare guerra ai piccioni. Per sterminare i colombi il Comune di Agliè si è rivolto a una ditta specializzata in falconeria, quindi presto volteggeranno i falchi pronti a cacciare i poveri piccioni, sempre che non se la prendano anche con tortore, merli e ghiandaie. Gli stessi falchi, emblema di libertà, nella falconeria sono costretti a vivere tutta la vita in cattività, privati della loro libertà. Un esempio, questo, che dimostra come il genere umano usi le altre specie a suo piacimento, spesso contro ogni logica.

E per finire questa carrellata, come non parlare dell’emendamento soprannominato “caccia selvaggia”, ora legge di bilancio, che consentirà la caccia selvaggia in parchi, aree protette e zone urbane. Un atto scellerato che mette a rischio animali e cittadini e che va contro l’articolo 9 della Costituzione. Quando queste specie diventano scomode, c’è una sola soluzione: ucciderle. Spesso con metodi che rasentano la perversione, come la soppressione per soffocamento o per annegamento nel caso degli scoiattoli. Inoltre, la caccia ottiene risultati opposti a quelli sperati. Lo dimostrano ormai numerosi studi e i recenti dati forniti dall’ ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), ma lo dimostra anche l’esperienza pratica: da anni l’emergenza cinghiali si contrasta affidandosi quasi soltanto a doppiette e carabine, ma la situazione è tutt’altro che migliorata.

In tutto questo triste quadro noi vediamo una mentalità antropocentrica che mostra l’uomo dominatore del creato, come se tutto quello che abbiamo intorno fosse uno scenario da depredare a uso e consumo della razza umana. Gli esseri umani sono senza dubbio la specie più invasiva mai vissuta sulla Terra. In poche migliaia di anni ci siamo appropriati di più di un terzo delle terre emerse, occupandole con le nostre città, i nostri campi e i nostri pascoli. Stiamo entrando nella sesta estinzione di massa del mondo, la prima a essere causata da una sola specie: l’uomo. Dovremmo cercare di convivere con la fauna selvatica anziché abbatterla. Il genere umano ha ingaggiato una lotta impari con le altre specie come fossero dei nemici da combattere con ogni mezzo, dimenticando che queste stesse specie convivono con noi sul pianeta e fanno parte, come noi, di una stessa Natura che ci ha generato.

Quindi diciamo basta all’introduzione di fauna selvatica sul territorio. Inoltre la salvaguardia delle altre specie che convivono con noi sul pianeta deve essere tutelata tramite una gestione del territorio al fine che le aree protette possano costituire delle zone di rifugio fondamentali per la loro sopravvivenza.

Così un comunicato stampa di SOS Gaia, a firma della presidente Rosalba Nattero.

 

 

(24 aprile 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 



Roma
poche nuvole
33.1 ° C
34.4 °
30.7 °
43 %
5.7kmh
20 %
Gio
33 °
Ven
35 °
Sab
36 °
Dom
37 °
Lun
38 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE