18.4 C
Roma
17.4 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
HomeCopertinaCosì Elly Schlein (tra le molte cose che ha detto) non ha...

Così Elly Schlein (tra le molte cose che ha detto) non ha dimenticato la parola “Autocritica”

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Giovanna Di Rosa

Dice moltissime cose la nuova segretaria Elly Schlein all’assemblea nazionale PD, e nel lungo elenco di cose da fare – servirebbero forse quattro segreteria, e deve ancora iniziare la prima – non può mancare la parola “autocritica” senza la quale si rischia di non essere più di sinistra. Tuttavia questa volta, e per la prima volta forse da quando scriviamo di politica su questo giornale, “autocritica” ha un suono dinamico e non è una fredda frase di circostanza per lasciare che tutto rimanga com’era.

L’impressione è che autocritica significhi per Schlein che bisogna davvero cambiare metodo e che non serve più, ad esempio, parlare di unità per il gusto di parlarne e basta: perché l’unità non si racconta, si pratica. Il resto è stato un discorso molto lungo, con tanti, tantissimi (e forse troppi per chi ascoltava) sequela di ringraziamenti dei quali solo uno ci è sembrato sensato: quello a Livia Turco. Molte idee e poco pragmatismo, ma il limite è nostro che nei discorsi vogliamo vedere i fatti.

Poi, dopo il discorso di Bonaccini, un barlume di verità all’orizzonte. Anzi due. La prima dice che il PD fa sul serio guarda parla di riformismo, poi vedremo quanto dura, e del suo necessario spostamento a sinistra e sui diritti sociali e diritti umani; la seconda è che i cattolici del partito punteranno i piedi, e lo faranno come al solito a modo loro. Che è quel modo che è servito, dalla sua Fondazione, ad affondare ogni reale proposito riformista del partito.

 

 

(12 marzo 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE