Dai proclami per 180miliardi di deficit ai soldi che non ci sono

Leggi di più

Bologna, dodici misure cautelari tra appartenenti al Collettivo Universitario Autonomo e Laboratorio Cybilla

di Redazione Bologna Questa mattina la DIGOS della Questura di Bologna ha eseguito su disposizione della locale Procura della Repubblica, nella persona del Procuratore Capo dott. Giuseppe Amato e del dott. Antonio Gustapane, titolare delle indagini, 12 misure cautelari, emesse dal G.I.P. del Tribunale di Bologna, dott. Claudio Paris, a carico di altrettanti appartenenti del Collettivo […]

Volpi e Garozzo consegnano il fioretto alla Città di Torino

di Redazione Torino Il Grand Prix FIE TROFEO INALPI incorona Torino capitale mondiale del fioretto nell’ambito della prima prova del calendario GRAND PRIX SERIE 2023 di fioretto maschile e femminile in programma al Pala Alpitour dal 10 al 12 febbraio, Alice Volpi e Daniele Garozzo consegneranno il fioretto al sindaco Stefano Lo Russo e all’assessore allo Sport e […]

Tragedia sul lavoro nel cantiere del Terzo Valico a Voltaggio: muore un 33enne

di Redazione Alessandria Tragedia nel cantiere del Terzo Valico a Voltaggio, nell’Alessandrino attorno all’una di notte del 7 febbraio. Uno scoppio, dovuto probabilmente a una fuga di gas, e la fiammata che ne è seguita, ha provocato la morte di un operaio e il ferimento di un altro operaio. La vittima è un uomo di 33 anni, calabrese, in […]

Il Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano è il primo in Europa con doppia certificazione FSC e PEFC per la gestione forestale sostenibile e i servizi...

di Redazione Bologna In Italia i boschi arrivano a coprire il 37% del territorio: un grande valore che deve però essere gestito in maniera opportuna[1]. È infatti necessario tutelare il patrimonio forestale e arboreo italiano a 360 gradi, tenendo conto dei suoi “servizi ecosistemici”, ovvero i benefici multipli forniti dagli ecosistemi al pianeta e al genere […]

CONDIVIDI

di Giovanna Di Rosa

Tutte e tutti ricorderete le roboanti promesse da campagna elettorale della presidente del Consiglio che riscrive non solo la storia ma anche le regole della lingua italiana, che nell’aggressiva campagna al ritmo di è finita la pacchia con grida sovraniste spagnole al seguito, costruiva in quarantacinque giorni 180 miliardi di deficit.

Ricorderete il suo è finita la pacchia, che sembrava significare chissà quale nuovo corso nelle politiche dell’UE ed avrete notato la differenza oceanica tra il dire e il fare che caratterizza anche l’agire della momentaneamente più amata dagli italiani. Siamo infatti passati dalla pacchia finita al cappello in mano. E siamo passati dai 180 miliardi di deficit di cose raccontate a una ventina di miliardi di cose reali da spendersi in due tranche: poco meno di una decina di miliardi prima della fine dell’anno e il resto con l’anno nuovo, tutto destinato alle bollette di imprese e famiglie. Per il resto, e per resto si intendono i deliri di Salvini sulle pensioni, i voli fantasiosi di questa o quella misura miracolistica, soldi non ce ne sono.

C’è però ancora la luna di miele degli italiani con il governo Meloni che è un po’ come il mal di pancia, poi passa.

 

(5 novembre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: