Gaiaitaliapuntocom FilmFest: vincono l’Umanità e il Cinema d’Arte. Tutti i premi

Pubblicità

Condividi

di GaiaitaliacomEdizioni

Si conclude positivamente la prima edizione del Gaiaitaliapuntocom Film Fest, il festival online organizzato dai registi Andrea Natale, Giuseppe Sciarra e Ennio Trinelli con il supporto del gruppo Facebook di cinefili, “Cinema Party” capeggiato da Nathan Santacroce: il gruppo condiviso sui social i 21 cortometraggi d’autore in gara provenienti da Italia, Stati Uniti, Francia, Spagna, Pakistan, Gran Bretagna. Fuori concorso in anteprima assoluta per l’Italia è stato presentato l’ultimo film del grande regista francese Paul Vecchiali, “Pas … des quartier”.

A Vecchiali è stato inoltre intitolato il premio della Direzione Artistica.

Il festival ha permesso a chiunque lo desiderasse di visionare gratuitamente opere di straordinario impatto emotivo che hanno spaziato dal cinema narrativo a quello visivo e d’avanguardia. Grazie a  una giuria di esperti, composta da giovani cineasti italiani (Marco Renda, Chiara Rapisarda, Linda Parente, Stefano Tammaro, Brando Improta, Giulio Neglia), dalla scrittrice, costumista e fashion stylist, Silvia Morganti, dalla blogger del blog Cinemanostro, Laura Salvioli e dal critico cinematografico e teatrale, Alessandro Paesano, presidente di giuria della manifestazione sono stati premiati lavori molto diversi tra loro, ma tutti ugualmente affascinanti.

Il premio al miglior corto è stato dato al documentario, “Ofelia” di Piefrancesco Bigazzi che affronta il delicato tema dell’alzhemeir attraverso un commovente dialogo serrato tra Bigazzi e sua nonna; il premio alla miglior sceneggiatura è andato a Intolerance di Giuliano Giacomelli e Lorenzo Giovenga che col suo cupo bianco e nero ci parla di un clochard muto. Menzione speciale della giuria per il corto francese, “Sacre Coeur” di Hicham Harrag, Samir Harrag, Al Huynh, dove due storie d’amore ci vengono mostrate con rara intensità. Il premio speciale della casa di produzione Cinetika dei produttori e registi Stefano Tammaro e Andrea Natale è stato consegnato a “Tralala Bang Bang” di Julien Lahmi per il magistrale omaggio al cinema di ieri e di oggi.

La direzione artistica ha deciso per il prestigioso premio Paul Vecchiali, andato all’incantevole opera del regista lgbtqi Joseph Wilson, “Isn’t a beautiful world” dove attraverso la perfomance art e la video arte Wilson e i suoi attori raccontano la discriminazione subita dalla comunità gay. La menzione speciale di Direzione Artistica e Organizzazione, il “Concept Award”, è andata al regista tunisino Medhi Ben Attia e a Fanny Ardant per essere riusciti, nei tre minuti del corto “Il s’en va”, a guidarci alla riscoperta di una delle più grandi scrittrici del secolo scorso.

Il Premio Cinema Party è stato dato alle registe pugliesi Marianna Turturo e Alessandra Ardito per “Viva”, ambientato in una casa di reclusione femminile di Trani dove le detenute si raccontano.

Per la prossima edizione del festival la direzione artistica punta a un evento in presenza, senza rinunciare alla parte online, per confermare un impegno diretto al rispetto dei diritti umani e all’educazione al rispetto dell’Altro attraverso la produzione culturale e cinematografica.

“Ofelia”, di Pierfrancesco Bigazzi. “Miglior Corto” al Gaiaitaliapuntocom FilmFest 2022


Tutti i premi:

PREMIO MIGLIOR CORTOMETRAGGIO
Ofelia
di Pier Francesco Bigazzi
PREMIO MIGLIOR SCENEGGIATURA
Intolerance
di Giuliano Giacomelli e Lorenzo Giovenga
MENZIONE SPECIALE DELLA GIURIA
Sacre Coeur
di Hicham Harrag, Samir Harrag, Al Huynh
PREMIO PAUL VECCHIALI
Isn’t it a beautiful world
di Joseph Wilson
MENZIONE SPECIALE DIREZIONE ARTISTICA “CONCEPT AWARD”:
Il s’en va Medhi Ben Attia Fanny Ardant 
PREMIO CINETIKA
Tralala Bang Bang
di Julien Lahmi
PREMIO DEL PUBBLICO CINEMA PARTY
Viva!
di Marianna Turturo e Alessandra Ardito

“Il S’en Va” di Mehdi Ben Attia, con la voce fuori campo di Fanny Ardant, premiato con il “Concept Award” per il miglior progetto culturale

 

(2 ottobre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

altre notizie

I No Green pass chiamano il 112 della Polizia per dire che la Polizia li blocca senza sapere che al 112 risponde la Polizia

di Daniele Santi, #poverinoi Così, visto che erano circondati dalla polizia, per dirla alla Ridolini cercando di evocare le espressioni soddisfatte...

Quelli che “già a Pompei” c’era un “mosaico” che “conteneva un QR code per il Green pass”

di Giovanna Di Rosa, #bufale E' proprio quella magnifica invenzione che è Bufale.net a riportare la notizia. I creduloni...

David Sassoli ricoverato in ospedale in Italia dal 26 dicembre

di Redazione Politica Il presidente del parlamento europeo David Sassoli è ricoverato dal 26 dicembre in ospedale in Italia per complicazioni...

Giorgia Meloni fu Ministra nel Governo Berlusconi IV dal 2008 al 2011. Pubblichiamo gli atti

di Giovanna Di Rosa #Maiconsalvini twitter@gaiaitaliacom #Maicoifascisti   La Signora On. Meloni, ex Ministra del governo Berlusconi IV che fu...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: