23.2 C
Roma
22.4 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
cielo coperto
16.6 ° C
18.5 °
14.6 °
91 %
2.8kmh
100 %
Gio
20 °
Ven
23 °
Sab
24 °
Dom
21 °
Lun
18 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeIl CommentoIl Conte "descamisado" fa saltare il governo come un Di Battista qualsiasi

Il Conte “descamisado” fa saltare il governo come un Di Battista qualsiasi

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Giovanna Di Rosa

Udite udite! Conte ha deciso, anche se è più probabile che qualcun altro lo abbia fatto per lui, che il Governo deve morire. La colpa draghiana è il non essersi piegato ai non-so-cosa-fare-né-dove-andare-ma-qualcosa-devo-pur-farlo dell’ala grillina che guarda al Che Guevara de Voantri come novello messia in nome di 2 punti percentuali in più se gli va bene. Ergo muoia il governo con tutti i draghistei.

E’ il nuovo capolavoro politico dello sciame degli scappati di casa eletti sotto forma grillina per rivoluzionare l’Italia e che sono riusciti solo a rivoluzionare la loro posizione economica personale facendo esattamente ciò che facevano quelli che c’erano già, colpevoli di tutte le colpe. Dopo avere fatto governi con tutti, la meretrice a 5 stelle (nel senso figurato di partito che va con tutti) decide che “Basta. Cambio mestiere” e diventa giustiziera. Le prime teste a cadere saranno le sue, ma è un dettaglio. Conte sembra una bomba a orologeria con il timer impazzito: fa saltare  il tavolo quando il governo comincia a lavorare sulle questioni del lavoro che sono improvvisamente diventate care al Movimento; è un rivoluzionario in giacca e cravatta credibile come un cobra che ti si para davanti e ti dice tranquillo non ti mordo, per poi sputarti veleno mortale negli occhi; è capace di fare politica come io sono capace col ricamo. Certo io ho più stile.

Così mentre le destre gridano elezioni, elezioni, elezioni! – quando mai hanno detto qualcosa di diverso le destre – e mentre persino ZaiaFontana dicono che elezioni adesso sarebbe anche meglio di no e addirittura Salvini cose di ragionevolezza Conte offre un nuovo penultimatum, stavolta definitivo: il movimentucolo dei mal di pancia non voterà la fiducia, forse uscirà dall’aula, così Draghi salirà al Colle, verrà rimandato alle Camere per un’altra fiducia, gli verrà concessa con o senza M5S perché se si va al voto adesso niente PNRR, niente riforma del lavoro e poi ve la vedete con l’estrema destra di Meloni d’Italia, e via e via [cit.]…

Potrebbe anche andare peggio. Si potrebbe addirittura avere un risveglio dal sonno della ragione, ciò che incredibilmente sembra essere successo a Di Maio, col grillismo dibattistiano a tinte Conte che rinsavisce momentaneamente e si arriva con tranquillità a fine legislatura. Insomma toccherà vedere cosa succederà sul serio dopo il voto al Senato.

Ci sono due cose certe: la prima ha a che fare con una domanda, chi li elegge di nuovo questi qui? La seconda ha a che fare direttamente con la capacità dei testicoli di Mario Draghi di reggere un simile martellamento e l’uomo, per quando dotato di palle d’acciaio, sembra essere al limite dell’umana sopportazione. Certo se ci fosse il colpo di genio di offrire a Meloni d’Italia la poltrona di Palazzo Chigi per un governo di scopo, si smonterebbe tutta una narrazione. Ma non ci si aspetta tanto…

 

(14 luglio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



Roma
cielo sereno
23.2 ° C
26.5 °
19.8 °
57 %
2.1kmh
0 %
Gio
38 °
Ven
38 °
Sab
32 °
Dom
30 °
Lun
28 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE