Gaynet, nell’anniversario di Stonewall al via la campagna “La Legge del Cuore”: riprendere l’iter contro l’omotransfobia

Condividi

di Redazione LGBTIQA+

In occasione del 53° anniversario dei moti di Stonewall, il media Da’ Voce al Rispetto in collaborazione con Gaynet, I Sentinelli di Milano e ILGA Europe lanciano la campagna “La legge del cuore”, per completare la legge Mancino-Reale e rilanciare i contenuti del ddl Zan, fermo in Senato ormai dallo scorso novembre.

“I crimini d’odio colpiscono al cuore – si legge nella nota delle realtà promotrici. “Nel cuore di ogni persona ci sono le parti più importanti di sé, proprio quelle prese di mira dall’odio. La legge italiana contro i crimi d’odio punisce solamente la violenza e la discriminazione motivate da etnia, nazionalità e religione. Eppure il cuore è lo stesso, non importa il colore della pelle, la religione di appartenenza, le capacità fisiche, l’orientamento sessuale, l’identità di genere o il ruolo stabilito dalla società. E’ tempo di completare questa legge, in modo che anche in Italia sia possibile denunciare l’omofobia, la transfobia e gli altri crimini d’odio”.

La campagna rappresenta la legge Mancino Reale (oggi integrata nel codice penale) come un cuore a forma di puzzle che necessità di una tessera mancante. Sulla tessera da aggiungere si leggono le caratteristiche personali che verrebbero aggiunte dal ddl Zan alla normativa esistente: orientamento sessuale, identità di genere, genere, sesso, disabilità.

“L’obiettivo – prosegue la nota – è quello di ricordare e sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dei crimini d’odio, sugli strumenti preventivi, come l’introduzione della giornata contro l’omolesbotransfobia nelle scuole, nonchè sulla difficoltà delle nostre istituzioni, come l’OSCAD, nell’elaborazione dei dati sui crimini d’odio in assenza di riferimenti normativi. L’auspicio – concludono – è che all’indomani delle amministrative il tema possa tornare a pieno titolo nell’agenda politica, in risposta ai venti repressivi e autoritari che vediamo purtroppo rafforzarsi, dalla Russia come dagli Stati Uniti. Questo provvedimento collocherebbe il nostro Paese in modo chiaro nel quadro europeo, poiché l’Italia è l’unico tra i membri UE insieme a Bulgaria, Rep. Ceca e Polonia a non riconoscere i crimini d’odio omolesbobitransfobici”.

 

(28 giugno 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

altre notizie

I No Green pass chiamano il 112 della Polizia per dire che la Polizia li blocca senza sapere che al 112 risponde la Polizia

di Daniele Santi, #poverinoi Così, visto che erano circondati dalla polizia, per dirla alla Ridolini cercando di evocare le espressioni soddisfatte...

Quelli che “già a Pompei” c’era un “mosaico” che “conteneva un QR code per il Green pass”

di Giovanna Di Rosa, #bufale E' proprio quella magnifica invenzione che è Bufale.net a riportare la notizia. I creduloni...

David Sassoli ricoverato in ospedale in Italia dal 26 dicembre

di Redazione Politica Il presidente del parlamento europeo David Sassoli è ricoverato dal 26 dicembre in ospedale in Italia per complicazioni...

Iran. Ventenne decapitato dalla famiglia perché omosessuale

di Ragazzi di Tehran, #Iran Aveva 20 anni e si chiamava Alireza Monfared. Aveva vent'anni e voleva una nuova vita....
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: