Se Conte va da Lilli Gruber e non dice niente, o quasi

Condividi

di Daniele Santi

Lilli Gruber invita Giuseppe Conte Otto e mezzo e lui ci va. Aggressiva e determinata quanto basta, assistita dal magnanimo Antonio Padellaro che è chiaramente lì per rendere la vita più facile all’ex-presidente del Consiglio, inanella una serie di domande ben calibrate, utili a cercare di capire cosa è successo nel M5S, ma Conte non risponde.

O meglio, risponde, ma in modalità contiana: non dice niente, quel niente lo dice nascondendo qualcos’altro, tira fuori una cosa, anche se la domanda era un’altra, dice di Grillo, dice di Di Maio, dice il solito “non faremo mancare il nostro appoggio al governo” che fa tanto statista, ma non significa nulla, né in politichese né in termini attivi. Insomma, si chiude la trasmissione senza che si sia capito un’accidente se non che non l’hanno presa bene e nemmeno sono in grado di darsi una spiegazione.

Conte riesce a dire però che dal discorso di Di Maio non ha capito né l’essenza politica della sua uscita dal grillismo, a noi è sembrato chiarissimo, né dove voglia andare. E anche lì noi crediamo di averlo capito bene e il futuro sarà lì a confermarlo. Perché Di Maio l’ha giocata pesante: non solo si è portato via 61 tra senatori e deputati ma anche, a cinquantamila euro di rimborsi annuali a cranio, qualcosa come 2,5 milioni di euro che verranno a mancare dalle casse Movimento fondato dal Grillo l’Elevato. Questo Conte non lo ha detto. Perché è un signore e anche perché è apparso politicamente confuso e umanamente ferito e quella Gruber , a fargli domande come se fosse obbligato a rispondere – e se accetti di andare in televisione per rispondere a domande poi alle domande devi rispondere.

Nemmeno ha spiegato, Conte, e ci sarebbe piaciuto come mai i grillini urlanti brandivano cartelli contro la guerra e contro l’invio di armi e poi hanno votato in massa a favore del decreto pro Kyiv. Che è un altro dei misteri del M5S come quella volta, ricorderete, che volevano la legge sulle unioni civili a tutti i costi e poi al momento di votarla dissero di no perché non potevano lasciare che Renzi le portasse a casa costringendo ad un accordo improvviso con Alfano che ridusse la legge a poco più di una presa in giro. I grillini sono quella cosa lì, sono il perdona loro perché non sanno quello che fanno. Trecentotrentatré ne hanno messi in Parlamento nel 2018. Mica uno…

In realtà qualcosa Conte ha detto: “Di Maio non deve permettersi di screditare il Movimento”. E tocca dargli ragione, a Conte: capaci come sono di screditarsi da soli non c’è nessun bisogno di interventi esterni.

 

(23 giugno 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 



Pubblicità

altre notizie

I No Green pass chiamano il 112 della Polizia per dire che la Polizia li blocca senza sapere che al 112 risponde la Polizia

di Daniele Santi, #poverinoi Così, visto che erano circondati dalla polizia, per dirla alla Ridolini cercando di evocare le espressioni soddisfatte...

Quelli che “già a Pompei” c’era un “mosaico” che “conteneva un QR code per il Green pass”

di Giovanna Di Rosa, #bufale E' proprio quella magnifica invenzione che è Bufale.net a riportare la notizia. I creduloni...

David Sassoli ricoverato in ospedale in Italia dal 26 dicembre

di Redazione Politica Il presidente del parlamento europeo David Sassoli è ricoverato dal 26 dicembre in ospedale in Italia per complicazioni...

Iran. Ventenne decapitato dalla famiglia perché omosessuale

di Ragazzi di Tehran, #Iran Aveva 20 anni e si chiamava Alireza Monfared. Aveva vent'anni e voleva una nuova vita....
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: