Se la stampa nazionalista russa si impossessa di Salvini (e c’è anche chi si chiede il perché)…

Pubblicità

Condividi

di Giovanna Di Rosa

La stampa nazionalista russa si è impossessata dell’ennesima boutade elettorale di Salvini che doveva andare in Russia per la pace “anche a piedi”, per puntare il dito contro l’Italia che “costringe Salvini” a rinunciare al viaggio e facendone una specie di eroe nazionale a rovescio. Non sorprende tanto questo, quanto che in Italia c’è chi manifesta stupore sulle ragioni della celebrazione.

Naturalmente la Lega, con ampia copertura mediatica, ospitata generosamente dalle reti nazionali, dopo le dichiarazione di alti funzionari che davano per certo che Putin avrebbe ricevuto Salvini, ha prontamente alzato gli scudi: ci vogliono mettere in mezzo, non siamo filo-russi è che ci disegnano così, vogliono mettere in mezzo Salvini, vogliono dividere l’Italia (e questo è certo, come se Salvini non avesse suggerito in qualche modo di essere dalla parte di Putin quando sperava che “i russi rieleggano il presidente Putin, uno dei migliori uomini politici della nostra epoca, e che tutti rispettino il voto democratico dei cittadini”, era marzo 2018, ne scrive anche Linkiesta).

Il Corriere riferisce del titolo di Moskovskij Komsomolets: “Salvini è stato costretto a rinunciare al suo viaggio”, insomma un martire; parliamo di uno dei quotidiani più diffusi della Federazione russa, nazionalista, controllato indirettamente dal Cremlino, cinque milioni di visualizzazioni quotidiane in patria. Il quotidiano è diretto da tal Pavel Gusev, dal 1992 – riferisce ancora il Corriere – è proprietario e editore della holding MK ed è, guarda guarda, capo della Sezione informazione e media che riferisce direttamente a Vladimir Putin. Un neutrale frequentatore del Cremlino, diciamo.

Salvini da parte sua gioca al martire come se ci credesse mentre dalla Russia celebrano “Il Capitano”, così pare venga chiamato in alcuni passaggi degli articoli che lo riguardano, e continua ad agitarsi nelle sabbie mobili politiche che si è creato da solo, e sappiamo che nelle sabbie mobili più ci si agita più si affonda, e non sappiamo se venga reso edotto delle parole di lode dei media russi come Regnum, un milione di lettori nostalgici di Vladimir Zhirinovskij al giorno, che lo ha eletto ad oggetto di culto e, scrive ancora il Corriere, ne riporta le dichiarazioni quotidianamente (“Fama, infamia che importa. Sarò ricordato” , scriveva Shakespeare). In Italia la situazione è meno fluida: Salvini si è giocato tre quarti del partito, la fiducia del Governo, con la Farnesina è gelo, Draghi mostra l’aplomb dei furiosi e sono incazzati neri persino in Vaticano, tirati in ballo – parrebbe – per il gusto di aprire la bocca e dare fiato.

 

 

(31 maggio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 



Pubblicità

altre notizie

I No Green pass chiamano il 112 della Polizia per dire che la Polizia li blocca senza sapere che al 112 risponde la Polizia

di Daniele Santi, #poverinoi Così, visto che erano circondati dalla polizia, per dirla alla Ridolini cercando di evocare le espressioni soddisfatte...

Quelli che “già a Pompei” c’era un “mosaico” che “conteneva un QR code per il Green pass”

di Giovanna Di Rosa, #bufale E' proprio quella magnifica invenzione che è Bufale.net a riportare la notizia. I creduloni...

David Sassoli ricoverato in ospedale in Italia dal 26 dicembre

di Redazione Politica Il presidente del parlamento europeo David Sassoli è ricoverato dal 26 dicembre in ospedale in Italia per complicazioni...

Iran. Ventenne decapitato dalla famiglia perché omosessuale

di Ragazzi di Tehran, #Iran Aveva 20 anni e si chiamava Alireza Monfared. Aveva vent'anni e voleva una nuova vita....
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: