La Lega di Salvini e l’irresistibile fascino della politica via twitter. O dell’inconsistenza

Leggi di più

Bologna, dodici misure cautelari tra appartenenti al Collettivo Universitario Autonomo e Laboratorio Cybilla

di Redazione Bologna Questa mattina la DIGOS della Questura di Bologna ha eseguito su disposizione della locale Procura della Repubblica, nella persona del Procuratore Capo dott. Giuseppe Amato e del dott. Antonio Gustapane, titolare delle indagini, 12 misure cautelari, emesse dal G.I.P. del Tribunale di Bologna, dott. Claudio Paris, a carico di altrettanti appartenenti del Collettivo […]

Volpi e Garozzo consegnano il fioretto alla Città di Torino

di Redazione Torino Il Grand Prix FIE TROFEO INALPI incorona Torino capitale mondiale del fioretto nell’ambito della prima prova del calendario GRAND PRIX SERIE 2023 di fioretto maschile e femminile in programma al Pala Alpitour dal 10 al 12 febbraio, Alice Volpi e Daniele Garozzo consegneranno il fioretto al sindaco Stefano Lo Russo e all’assessore allo Sport e […]

Tragedia sul lavoro nel cantiere del Terzo Valico a Voltaggio: muore un 33enne

di Redazione Alessandria Tragedia nel cantiere del Terzo Valico a Voltaggio, nell’Alessandrino attorno all’una di notte del 7 febbraio. Uno scoppio, dovuto probabilmente a una fuga di gas, e la fiammata che ne è seguita, ha provocato la morte di un operaio e il ferimento di un altro operaio. La vittima è un uomo di 33 anni, calabrese, in […]

Il Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano è il primo in Europa con doppia certificazione FSC e PEFC per la gestione forestale sostenibile e i servizi...

di Redazione Bologna In Italia i boschi arrivano a coprire il 37% del territorio: un grande valore che deve però essere gestito in maniera opportuna[1]. È infatti necessario tutelare il patrimonio forestale e arboreo italiano a 360 gradi, tenendo conto dei suoi “servizi ecosistemici”, ovvero i benefici multipli forniti dagli ecosistemi al pianeta e al genere […]

CONDIVIDI

di P.M.M.

Scorrendo la lunga fila di post che il leader leghista regala dal suo profilo Twitter, ora in pieno orgasmo per l’acquisto del social dell’uccellino da parte del buon Musk, si assiste ad una lunga sequenza di cose che la Lega fa (o farebbe) o starebbe per fare, a avrebbe già fatto; poi nella politica reale, quella che vediamo quotidianamente, l’unica traccia che rimane della Lega di Salvini sono le scorribande del segretario utili solo alla sua visibilità personali.

Certo assistiamo anche alla nascita di quel #Primalitalia di cui avevamo già parlato, ovvero del tentativo leghista-salviniano di mettere all’angolo Meloni e di dare quella certa parvenza di incrollabile unità alla destra con ben cinque candidati differenti per Palermo, ancora nessun accordo a Messina (centrodestra sottosopra), e la Lega inchiodata da settimane sotto il 16% nelle intenzioni di voto degli Italiani, addirittura sotto il risultato reale del 2018.

Nella la lunga lista di post spicca quello sulla legge “Droga zero”, che rimanda a tristi vicende interne tutte leghiste, ormai ampiamente archiviate perché la politica del tritatutto, per l’appunto, trita tutto così da dimenticarlo prima, legge proposta dalla Lega della quale non è che si faccia tutto ‘sto gran parlare sugli organi d’informazione.

La colpa è sicuramente della de-salvinizzazione e dei pregiudizi contro la Lega che noialtri dell’orribile stampa comunista al servizio delle dittature [sic] stiamo operando per evitare che le geniali intuizioni leghiste possano avere un seguito sotto forma di legge: nessuno di noi sta in parlamento, moltissimi di noi non sono comunisti e nemmeno lo sono stati in passato, al contrario di certi leghisti oggi contro la droga e ieri per la legalizzazione della marijuana, ma si tratta di un dettaglio irrilevante.

Ciò che sappiamo è che nonostante l’iperattivismo social del segretario leghista, nonostante le buona ambasciate del Berlusconi Silvio da Arcore, la stella salvinista sembrerebbe definitivamente sul viale del tramonto: non vince un’elezione, non azzecca un pronostico, punta sempre sul cavallo sbagliato, si è mangiato un patrimonio di consensi invidiabile, non condanna l’invasione dell’Ucraina da parte di Putin e, addirittura, a Genova e in Sicilia è costretto a togliere il suo nome dal logo del partito a favore di #primalitalia o di un inquietante – per lui – Lega con Bucci in terra ligure.

 

(27 aprile 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: