Pubblicità
17.5 C
Roma
14.8 C
Milano
martedì, Aprile 16, 2024
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeCINEMA & FESTIVAL"E' stata la mano di Dio" di Paolo Sorrentino candidato all'Oscar per...

“E’ stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino candidato all’Oscar per l’Italia

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Giuseppe Sciarra

Per la cerimonia della 97ª edizione dei premi Oscar che si terrà il prossimo 27 marzo gareggerà come miglior film straniero anche, “É stata la mano di dio” di Paolo Sorrentino forte dei tanti (e prestigiosi) riconoscimenti avuti in giro per il mondo, tra cui il Leone d’oro allo scorso festival di Venezia e la candidatura prestigiosa ai Golden Globes e ai Bafta. A nostro avviso però le possibilità che la pellicola di Sorrentino possa essere premiata dall’Accademy sono poche e non perché il film non sia meritevole di vincere l’ambita statuetta, tutt’altro, il problema è che dovrà gareggiare contro un autentico titano come “Drive my Car” di Ryûsuke Hamaguchi.

La pellicola del regista giapponese ha già scippato al film di Sorrentino il premio come miglior film straniero ai Golden Globes e la critica lo considera il nuovo “Parasite”, tra l’altro “Drive my Car” è candidato – a differenza di “ É stata la mano di dio” – anche ad altre tre nomination, quella per la miglior sceneggiatura originale, miglior film e miglior regia. Conoscendo l’andazzo di quest’ultimi anni alla notte degli Oscar e l’amore viscerale che ultimamente Hollywood nutre per il cinema orientale con in testa il Sud Corea, dovremmo faticare non poco per vincere l’ambita statuetta. Al film di Sorrentino non resta altro che affidarsi alla mano di dio.

Il regista napoletano non è l’unico italiano che è candidato all’ambita statuetta. Massimo Cantini Parrini è stato nominato per i migliori costumi nell’irriverente musical “Cyrano” mentre un altro regista, Enrico Casarosa è in gara con “Luca” per il miglior film d’animazione. Su quest’ultimo ci sono previsioni assai rosee in merito a una sua possibile vittoria agli Oscar, staremo dunque a vedere se l’Italia riuscirà a farsi valere come già sta facendo in altri ambiti.

E già che ci siamo, ecco le nomination relative alle principali categorie in gara agli oscar 2022:

Miglior attore protagonista
Javier Bardem (Being the Ricardos)
Benedict Cumberbatch (The Power of the Dog)
Andrew Garfield (Tick, Tick … Boom!)
Will Smith (King Richard)
Denzel Washington (The Tragedy of Macbeth)
Miglior attrice protagonista
Jessica Chastain (The Eyes of Tammy Faye)
Olivia Colman (The Lost Daughter)
Penélope Cruz (Parallel Mothers)
Nicole Kidman (Being the Ricardos)
Kristen Stewart (Spencer)
Miglior film
Belfast
Coda
Don’t Look Up
Drive My Car
Dune
King Richard
Licorice Pizza
Nightmare Alley
The Power of the Dog
West Side Story
Miglior regista
Kenneth Branagh (Belfast)
Ryûsuke Hamaguchi (Drive My Car)
Paul Thomas Anderson (Licorice Pizza)
Jane Campion (The Power of the Dog)
Steven Spielberg (West Side Story)
Miglior film internazionale
Drive my Car
È stata la mano di Dio
The Worst Person in the World
Flee
Lunana: A Yak in the Classroom
Miglior film di animazione
Encanto
Flee
Luca
The Mitchells vs. the Machines
Raya and the Last Dragon
Miglior attrice non protagonista
Jessie Buckley (The Lost Daughter)
Ariana DeBose (West Side Story)
Judy Dench (Belfast)
Kirsten Dunst (The Power of the Dog)
Aunjanue Ellis (King Richard)
Miglior attore non protagonista
Ciarán Hinds (Belfast)
Troy Kotsur (Coda)
Jesse Plemons (The Power of the Dog)
J.K. Simmons (Being the Ricardos)
Kodi Smit-McPhee (The Power of the Dog)
Migliori costumi
Cruella
Cyrano
Dune
Nightmare Alley
West Side Story
Miglior sceneggiatura originale
Belfast, Kenneth Branagh
Don’t Look Up, Adam McKay, David Sirota
King Richard, Zach Baylin
Licorice Pizza, Paul Thomas Anderson
The Worst Person in the World, Eskil Vogt, Joachim Troer
Migliore colonna sonora
Don’t Look Up, Nicholas Britell
Dune, Hans Zimmer
Encanto, Germaine Franco
Parallel Mothers, Alberto Iglesias
The Power of the Dog, Jonny Greenwood
Miglior sonoro
Belfast
Dune
No Time to Die
The Power of the Dog
West Side Story
Miglior corto animato
Affairs of the Art
Bestia
Boxballet
Robin Robin
The Windshield Wiper
Miglior corto live action
Ala Kachuu – Take and Run
The Dress
The Long Goodbye
On My Mind
Please Hold

 

(8 febbraio 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 




 

 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE