Pubblicità
17.5 C
Roma
14.8 C
Milano
martedì, Aprile 16, 2024
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeCoherentia et honestateIl M5S che votava contro il 2x1000 ai partiti, ora aderisce al...

Il M5S che votava contro il 2×1000 ai partiti, ora aderisce al 2×1000 ai partiti. La fame è brutta

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Daniele Santi, #politica

Uno vale uno (e non era vero), la scatoletta di tonno (per rimanerci dentro), mai col PD (e c’hanno fatto due governi), mai con la Lega (e ce n’hanno fatto uno, e magari non è nemmeno finita), basta con la RAI (ma anche no), e “No” alla legge per il 2×1000 ai partiti e oggi aderiscono al 2×100 ai partiti. Favoloso M5S! Tutti i giorni una novità all’insegna della coerenza e dell’onestà. Soprattutto della coerenza.

La rivoluzione di Giuseppe Conte, toccherà pur trasformarlo in un partito serio [sic] questo M5S, parte dal 2×1000 – che diciamocelo, se c’è la Legge, gli altri partiti ne approfittano in accordo con la Legge, perché il M5S non dovrebbe farlo? – e chiede agli iscritti (succederà lunedì o martedì mattina), quei soliti centomila scarsi che votano in nome di undici milioni che votarono il Movimento nel 2018, di pronunciarsi sull’adesione al 2×1000 dopo che l’assemblea congiunta dei gruppi grillini, a stragrande maggioranza degli eletti si è detta favorevole.

La fame è brutta e se non ci sono soldi tocca trovarli. Dentro le Leggi dello stato. Anche se si tratta di una legge alla quale avevano detto no con le solite grida inneggianti alla loro purezza, unicità e coerenza.

Alessandro Di Battista è incazzato nero (aderirei alla Legge solo per vederlo livido di rabbia, ci son piaceri ai quali non si deve rinunciare) e lancia anatemi dai suoi social come un santone qualsiasi, lui che è molto più di tutto questo.

Ricorda il Che Guevara de noantri che “Il Movimento lottava per il rispetto del referendum che ha abolito il finanziamento pubblico ai partiti ed era un bel movimento. Il Movimento non aveva sedi lussuose ed era un bel Movimento”, andavano in bicicletta, eran poveracci, erano tre in sella, poi c’è sempre chi sbatte la porta e chi rimane dov’era (ed è chi sbatte la porta a perdere, ma non lo capisce mai prima e si mette a gridare dopo).

“Oggi il neo-movimento si avvita su se stesso”, ricorda il Di Battista che ululava alla luna e non ha più Di Battista al suo interno. Che per qualcuno è persino un bel risultato per il Movimento.

 

(26 novembre 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE