.
6.9 C
Roma
lunedì, Dicembre 6, 2021

Grillo: il Reddito di Cittadinanza “riforma sociale tra più importanti storia repubblicana”

di Paolo M. Minciotti

La modestia non è mai stata parte del bagaglio culturale del Vate del pentastellutismo dall’incazzatura facile in video e dai prolungati e mai troppo rimpianti silenzi. Dopo la débacle, ampiamente prevedibile e per la quale sospettiamo sarà Giuseppe Conte  a pagare senza averne nessuna responsabilità, a meno di progetti a lunga scadenza che ignoriamo e che le nostre inutili teste non possono nemmeno immaginare, Grillo torna sul trono e pontifica: il reddito di cittadinanza è una “riforma sociale tra le più importanti della storia repubblicana”.

Grillo saggiamente tace sui navigator a vista imbarcati in questa barca preda delle onde dell’inconsistenza organizzativa del grillismo e sul fatto che praticamente nessuno, una percentuale bassissima, ha trovato lavoro grazie alle misure che parallele sarebbero dovute essere al reddito di cittadinanza, misure definite inclusive e di  riqualificazione.

Grillo sciorina dati dall’INPS i quali “ci raccontano che sono 1,36 milioni i nuclei beneficiari, per oltre 3 milioni di persone, con un importo medio di 546 euro, in particolare. Prevalgono i nuclei composti da tre e quattro persone, rispettivamente 646mila e 673mila. I nuclei con minori sono quasi 443mila, con un numero di persone coinvolte di oltre 1,64 milioni, mentre i nuclei con disabili sono quasi 231mila, con oltre 536mila persone coinvolte”.

Certo tocca fare i conti con l’abitudine tutta peculiare del Grillo di tutti i grillismi, secondo il quale troppo spesso 1+1 ha fatto 3. E poi era colpa del PD. E la scatoletta di tonno non era ancora stata aperta.

 

(20 ottobre 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 



POTREBBERO INTERESSARTI

SEGUITECI

4,764FansMi piace
2,381FollowerSegui
128IscrittiIscriviti
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: