Pubblicità
27.7 C
Roma
27.6 C
Milano
domenica, Aprile 14, 2024
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeL'Opinione RomaNuova “stretta sugli spettacoli”. Cos’è uno scherzo? Già non lavoriamo da febbraio…

Nuova “stretta sugli spettacoli”. Cos’è uno scherzo? Già non lavoriamo da febbraio…

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram





0Shares

di GaiaitaliapuntocomEdizioni #Lopinione twitter@gaiaitaliacom #Spettacoli

 

IL nuovo DPCM che ancora non si sa del tutto cos’è pare preveda una nuova, l’ennesima, stretta sugli spettacoli: una stretta fatta un po’ a cazzo se dovesse corrispondere a quanto si sente dalle radio e da quanto si legge sui giornali, e che suona un po’ come l’ennesimo scherzetto ai danni di chi opera e vive – o meglio viveva, e già con diversi problemi sul groppone – di cultura.

Si parla di un’ulteriore stretta, in strutture che già non prevedono una regolamentazione chiara, in un settore che sempre più sembra diretto a privilegiare i grandi teatri nazionali e gli scambi tra di essi, soffocando le realtà medio piccole che sono costrette a smettere di produrre, rappresentare, circuitare, organizzare, pensare. Non necessariamente in quest’ordine.

Sta bene il DPCM, sta bene la prudenza, sta bene la protezione, ma se proprio volete farci morire, a noi realtà medio-piccole, diteci con quale veleno o almeno permetteteci di sceglierlo. Così, signori che state al governo per distruggere la casta e tutte le porcate fate in passato, non si può andare avanti. E se non avete nessuna responsabilità rispetto alla diffusione del Covid-19 ne avete, le avete tutte, rispetto alle decisioni che state prendendo e che stanno distruggendo un intero settore che in Italia dava lavoro e produceva utili.

Sapete, è terribile dover chiedere soldi in giro e sostegno a lettori e spettatori per poter pagare i conti. Saluti garbati.

 

(12 ottobre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 

 

 

 




Pubblicità

LEGGI ANCHE