.
5.4 C
Roma
martedì, Dicembre 7, 2021

L’Albania dà lezioni di civiltà all’Italia di Matteo Salvini e della bionda Meloni (quell’Italia che non impara mai)

di Redazione #Coronavirus twitter@gaiaitaliacom #Maiconsalvini

 

Con un discorso del suo Presidente in un’italiano perfetto, l’Albania ha ribadito i legami storici che uniscono il paese all’Italia ed ha dichiarato che il paese è bien lieto di ripagare il suo debito di gratitudine con l’Italia che ha accolto, aiutato ed integrato gli Albanesi quando gli albanesi ne hanno avuto bisogno. Una lezione di civiltà che il premier albanese, con un discorso di rarissima cortesia, non solo istituzionale, ha dato all’Italia cavernicola che guarda agli sproloqui incivili di Matteo Salvini e di Meloni – Le Pen.

Un discorso che ha ricordato che i legami d’amicizia e di cooperazione esistono anche sulla base della memoria di ciò che un paese ha fatto per un altro paese, o per la popolazione di quel paese, anche quando si è fatto condendo il tutto di improperi ed odio e di additamenti ai delinquenti. E’ noto del resto che, per Salvini e Meloni, i delinquenti sono sempre gli altri.

Salvini, per dovere istituzionale e con un certo mal di pancia, ha dovuto ringraziare l’labania perché ha mandato trenta medici dove la sanità privata voluta dalle amministrazioni leghiste inlombardia non può nemmeno sognarsi di arrivare, essendo il flagello Coronavirus ben più potente di qualsiasi odio indotto. va detto, è importante, che se gli anticorpi contro il Coronavirus il nostro organismo ancora non ce li ha, gli anticorpi contro l’odio instillato giornalmente dalla destra cavernicola che si inventa soluzioni ridicole ai problemi, perché non ha idea di come risolverli, i problemi, né nessun interesse politico a risolverli (verrebbe a mancare il terreno fertile per la sua spudorata propaganda), ci sono già.

E sono tutti contenuti nei concetti espressi dal presidente albanese nel ringraziare l’Italia per tutto ciò che ha fatto per il suo popolo, inviando trenta medici più altre cosette per salvare il nostro. C’è sempre da imparare, lo sappiano anche quegli Italiani che non imparano mai. Ringraziamo Edi Rama anche per loro

 

(30 marzo 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 




POTREBBERO INTERESSARTI

SEGUITECI

4,764FansMi piace
2,382FollowerSegui
128IscrittiIscriviti
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: