Home / Copertina / Quel post offensivo che magicamente scompare dal profilo del ministro leghista

Quel post offensivo che magicamente scompare dal profilo del ministro leghista

foto Facebook di Giulia Pacilli di Luca Cortese

di Giovanna Di Rosa #Web twitter@gaiaitaliacom #Interni

 

 

Il post che metteva alla gogna una ragazza di 22 anni che manifestava, liberamente e in accordo con la Costituzione, durante il corteo “People” del 2 marzo a Milano utilizzando la foto di Luca Cortese che vedete in alto (l’autore che ritenga che la foto vìoli i suoi diritti d’autore ce ne dia contezza, siamo pronti a rimuoverla) non c’è più. E’ scomparsa, per minacce di azioni legali, dalla pagina ufficiale del ministro dell’Interno che è anche segretario della Lega che dopo avere insultato per decenni i meridionali fa il pieno di voti in meridione.

Giulia Pacilli – questo il nome della ragazza 22enne che compariva nell’immagine e che aveva rilasciato un’intervista a Repubblica dalla quale ci sarebbe qualcosa da imparare – subito dopo la pubblicazione della fotografia sul profilo social di Salvini era stata sommersa da un’ondata (decine di migliaia) di insulti sessisti, minacce di violenza e addirittura di morte. A causa di quello tsunami di violenza l’autore dell’immagine annunciato di voler fare causa al ministro degli Interni. Lo stesso aveva fatto la ragazza.

A volte i miracoli accadono, soprattutto quando sono funzionali ad un disegno, e del post non c’è più traccia. Lo conferma Luca Cortese dalla sua pagina Facebook.

 





 

 

(26 marzo 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





Comments

comments

Server dedicato
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi