Pubblicità
17.5 C
Roma
16 C
Milano
martedì, Aprile 16, 2024
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeCopertinaUn Mahmood tra i cristalli

Un Mahmood tra i cristalli

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Ghita Gradita #Sanremo2019 twitter@gaiaitaliacom #Musica

 

 

Un Mahmood si agita tra i cristalli dell’italica insofferenza e c’è un ministro dell’Interno incendiario che già la butta in politica a beneficio di coloro che il Mahmood tra i cristalli già lo vedono male perché figlio di padre egiziano e madre sarda. Orrore e sgomento la canzone con la quale il giovane vince il 69° Festival di Sanremo si chiama Soldi, notoriamente riservati – nella miglior tradizione fasciorazzista – agli indigeni. Nel senso di nativi del luogo.

I lillipuziani della politica sono troppo ciechi per vedere che l’avvento di Mahmood, bel ragazzone con il quale passare volentieri alcune notti e farne di cotte e di crude sorvolando sull’espressione perennemente stupita dei suoi occhioni, durerà giusto il tempo di agitare i cristalli. Perché la musica moderna macina velocemente e non è detto che a una bella canzone come Soldi ne segua un’altra altrettanto sensata.

Del resto non vorranno farci credere che la manifestazione del tuttofalso non in quanto truccato, ma in quanto finto, di plastica; non vorranno davvero farci credere che Sanremo al Botulino sia l’Italia reale, no? L’Italia reale, contro ogni migliore speranza del ministro dell’Interno incendiario e dei fanatici pentaleghisti, è proprio Mahmood tra i cristalli insieme a tutta una popolazione di ragazzoni che praticheranno, per causa genetiche di sapienti incroci, una stupidaggine come il metissage culturel che il governo perntaleghista dell’ignoranza pensa di bloccare con leggi che stanno tutte al bordo della costituzionalità.

 





 

(10 febbraio 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicità

LEGGI ANCHE