Il maschio-omone Travaglio che dice “Chiudi il becco” a Maria Elena Boschi: scimmiesco maschilismo

Pubblicità

Condividi

di Giovanna Di Rosa #travaglismo twitter@gaiaitaliacom #politica

 

 

Non gli sembrava vero al Travaglio nazionale, al giornalista che si sente dio e non è colpa sua se voi non gli credete, se voi mancate di fede, di potersi esibire, sulla equilibratissima rete che si chiama La7 – quella i cui ascolti crollano anzi non è vero – e di poter esibire il muscolo maschile, non nel senso di vir ma proprio di muscolo – e poter dire, da maschio-omone senza argomenti, ma con la protervia dell’ormone, ad una donna “Chiudi il becco”. Non importa che la donna in questione fosse la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio, anzi quella di essere una donna di potere che ha più potere del Travaglio nazionale giornalista che si sente dio è un’aggravante, agli occhi dell’ormone (o omone che dir si voglia) così il “Chiudi il becco” è l’arma con la quale il buon Travaglio recupera il suo essere maschio dominatore, procreatore, portatore del seme, quindi colui che dà la vita, insomma il dio fallo, e si vendica di tutte le donne presenti e future che avranno più potere di lui. “Chiudi il becco” è il ceffone che il maschio moderno (quello poco colto al quale Travaglio si rivolge non avendo scampo con chi una cultura ce l’ha), non può dare, ma che in televisione suona come tale dicendo al telespettatore: “Vedi? L’ho zittita, ho ragione io”.

Verrebbe da dire che molte donne hanno più cervello di Travaglio, indipendentemente dal loro esercitare un potere o no, ma sarebbe insinuare che il giornalista che si crede dio un cervello ce l’ha e lo usa, e non vogliamo offendere le donne più di quanto non abbia già fatto lui.

L’intervento del buon Travaglio, quello che scriveva che il Governo non avrebbe mai approvato la legge sul biotestamento perché non Renzi non la voleva, doveva scaricare la tensione accumulata dal più bravo dell’Universo (dopo Eugenio Scalfari) nello scoprire che aveva sbagliato l’ennesima previsione – fosse la prima! fosse l’ultima! – perché sentirsi il più bravo non serve, occorre esserlo. Per la cronaca si celebrava in televisione da Lilli Gruber, che di fronte all’uscita maschilista di Travaglio non ha battuto ciglio, casomai un movimento brusco le devastasse l’ennesimo lifting, l’ennesima puntata del lungo processo a Maria Elena Boschi colpevole di essere figlia di un certo padre la quale, all’attacco di Travaglio ha risposto come si doveva: “Se io fossi stata un uomo non mi avresti detto <<Chiudi il becco>>”.

Tutto questo mentre c’è stato un tentativo di golpe con depistaggi elettronici e manipolazione di dati su Whatsapp da parte di due appartenenti alle forze dello stato del quale (e dei quali) si parla poco, anzi non si parla proprio, mantenendo in primo piano altri scontri utili a fini elettorali alle opposizioni di Boschi, e ai progetti editoriali di Cairo.

E pretendono di insegnarci a fare informazione.





(15 dicembre 2017)

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

Pubblicità

altre notizie

I No Green pass chiamano il 112 della Polizia per dire che la Polizia li blocca senza sapere che al 112 risponde la Polizia

di Daniele Santi, #poverinoi Così, visto che erano circondati dalla polizia, per dirla alla Ridolini cercando di evocare le espressioni soddisfatte...

Quelli che “già a Pompei” c’era un “mosaico” che “conteneva un QR code per il Green pass”

di Giovanna Di Rosa, #bufale E' proprio quella magnifica invenzione che è Bufale.net a riportare la notizia. I creduloni...

David Sassoli ricoverato in ospedale in Italia dal 26 dicembre

di Redazione Politica Il presidente del parlamento europeo David Sassoli è ricoverato dal 26 dicembre in ospedale in Italia per complicazioni...

Iran. Ventenne decapitato dalla famiglia perché omosessuale

di Ragazzi di Tehran, #Iran Aveva 20 anni e si chiamava Alireza Monfared. Aveva vent'anni e voleva una nuova vita....
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: