Home / lgbtqi / Famiglie Arcobaleno Toscana: il Sindaco Ghinelli venga al Toscana Pride per conoscerci

Famiglie Arcobaleno Toscana: il Sindaco Ghinelli venga al Toscana Pride per conoscerci

di Gaiaitalia.com

 

 

 

 

 

Da Famiglie Arcobaleno Toscana riceviamo il seguente comunicato stampa che pubblichiamo integralmente.

 

“Se il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli vuole incontrarci venga al Toscana Pride”. Laura Giuntini, referente regionale dell’Associazione Famiglie Arcobaleno risponde così alla richiesta di incontro del sindaco della città che il 27 maggio ospiterà la grande manifestazione dell’orgoglio gay, lesbico, bisex, trans, intersex. Secondo Famiglie Arcobaleno, l’invito all’incontro fissato per sabato 20 maggio, è arrivato con incomprensibile ritardo, tre giorni prima dell’incontro stesso e dopo un lungo periodo di silenzio seguito alla disdetta da parte del sindaco dell’appuntamento programmato in precedenza per il 29 aprile. Nella risposta indirizzata al sindaco Laura Giuntini spiega le ragioni del diniego: “Sono davvero rammaricata che dobbiamo essere noi stavolta a declinare il suo invito, ma per fortuna, prima di essere attivisti, siamo genitori, famiglie, con bambini piccoli e piccolissimi. Siamo certi che lei possa capire che muovere un certo numero di famiglie con bambini, con soltanto tre giorni di preavviso non sia un’impresa facile. Il sabato mattina delle famiglie è dedicato a fare la spesa, alla musica, a vedere i nonni vicini e lontani, ma soprattutto a stare insieme, dopo una lunga settimana di lavoro e di scuola. Ogni altro eventuale impegno, ancor più se di tale portata, va concordato con un certo anticipo”. Nessuna mediazione sembra sia possibile, ma una apertura inaspettata arriva proprio dalle dichiarazioni di Famiglie Arcobaleno. “Scopo dell’incontro era farci conoscere, mostrare al sindaco che esistiamo. Allora perché non incontrarci in occasione del Toscana Pride? Saremo presenti fin dal primo pomeriggio per prepararci alla sfilata, saremo ben visibili con i palloncini e le nostre magliette rosa e saremmo davvero felici se decidesse di venire a conoscerci e salutarci. Il Toscana Pride ad Arezzo può essere essere un’ottima occasione iper presentarci e quindi per programmare, con il dovuto preavviso, un incontro nel quale parlare delle nostre difficoltà e delle nostre esigenze e di come l’amministrazione cittadina possa essere di supporto alle nostre quotidianità, in un’ottica inclusiva e rispettosa di tutte quante le realtà famigliari”. Ora la parola sta al sindaco.”

 

 

 

(18 maggio 2017)




 

 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata


 

 

 

Comments

comments

gaiaitalia.com

x

Check Also

Il PIL è aumentato “Perché ha fatto caldo”: Barbara Lezzi del M5S è da Premio Ignobel

Share this on WhatsAppdi Giovanna Di Rosa, twitter@gaiaitaliacom   Lei è la “stellare” esponente del M5S Barbara Lezzi, profonda conoscitrice dell’economia e dei suoi meccanismi, deputata nel parlamento italiano per volere del Sacro Blog, l’ennesima miracolata per intenderci, che in mezzo alla calura ferragostiana, colta da subitaneo fragore neuronico dopo ...

Il “non sono razzista, la mia ragazza è straniera”, sostituisce l’obsoleto “ho tanti amici gay”

Share this on WhatsAppdi Il Capo, twitter@gaiaitaliacom     Un tempo erano di moda dire “Io non ho niente contro i gay, ho tanti amici gay“, specializzato nella locuzione il triste senatore Giovanardi così terrorizzato dall’idea di finire all’inferno che gli toccherà finirci sul serio; era come quando si diceva ...

Angelino Alfano si assume il merito della crescita del PIL: “Abbiamo garantito stabilità”

Share this on WhatsAppdi Daniele Santi, twitter@gaiaitaliacom     La crescita (inaspettata!) del PIL ha già un “padrone”: è Angelino Alfano. Il ministro degli Esteri più disastroso della storia recente d’Italia, si è infatti assunto la paternità della crescita del PIL, crescita inaspettata che ha stupito persino il governo, perché ...

Reggio Emilia, cinghiate e calci alla figlia che non ha preparato la cena: denunciato dai carabinieri

Share this on WhatsAppdi Gaiaitalia.com, #ReggioEmilia     Rientrato a casa con la luna storta ha preso a cinghiate la figlia non ancora 18enne “colpevole” di non avergli preparato la cena. E’ l’ennesimo grave episodio di violenza in famiglia, consumatosi ieri sera in un’abitazione di un comune della Val d’Enza, ...

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi