Home / Copertina / Vladimir Putin: “In Russia i gay sono liberi. Negli Stati Uniti no”
Salta la fila

Vladimir Putin: “In Russia i gay sono liberi. Negli Stati Uniti no”

Russia Antigay 11di Paolo M. Minciotti

 

 

 

 

 

Vladimir Putin insiste: in Russia “l’omofobia non esiste” e i “gay solo liberi”. Non come negli Stati Uniti dove “non lo sono”. Il quotidiano panafricano di lingua inglese Mambaonline, pubblica l’estratto di un’intervista per la trasmissione della CBS 60 minutes (video in basso) che il dittatore russo ha rilasciato a Charlie Rose.

 

Dimenticando di ricordare che le persone omosessuali in Russia sono discriminate in ogni ambito sociale e spesso massacrate a pugni e calci (vedi foto in alto), Putin si è soffermato sulla non completa accettazione dell’omosessualità negli USA essendoci ancora quattro stati dell’Unione dove rimane illegale. Aggiungendo in un trionfo di ipocrisia, che la Russia ha depenalizzato l’omosessualità nel 1993, dimenticandosi che una sentenza della Corte Suprema del 2003 ha rimosso ogni legge contro le unioni o i rapporti omosessuali in tutti gli Stati Uniti.

 

I problemi della “minoranze sessuali in Russia sono stati deliberatamente esagerati per ragioni politiche e senza nessuna base reale” ha continuato Putin, aggiungendo poi che “In Russia le persone che hanno un’orientamento sessuale non tradizionale [sic] lavorano e vivono in pace”. Ha infine difeso la legge contro la “propaganda omosessuale” per “difendere” [sic] i giovani.

 

E diremmo che la cronaca di una menzogna continua può anche chiudersi qui.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(29 settembre 2015)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2015 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

Comments

comments

Salta la fila

gaiaitalia.com

x

Check Also

Chiusi i Campionati nel Mondo di #Londra2017 nel segno di Usain Bolt

Share this on WhatsAppdi Filomena Filippetti  twitter@gaiaitaliacom     I Campionati Mondiali di Atletica Leggera di Londra 2017 si sono chiusi con la splendida vittoria di Trinidad & Tobago nella 4×400 maschile che ha costituito la grande sorpresa di questi campionati che sono stati, per l’ultima volta e nonostante il ...

#Londra2017, l’azzura Palmisano medaglia di bronzo nella 20km di marcia

Share this on WhatsAppdi Filomena Filippetti     I colori azzurri hanno dovuto aspettare l’ultima giornata di gare per portare a casa la prima, ed unica, medaglia ai Campionati Mondiali di Atletica Leggera di Londra 2017. L’ha vinta Antonella Palmisano nella 20km di marcia, specialità nella quale l’azzurra si è distinta ...

Tutta questa faccenda di migranti, aguzzini e Ong puzza tanto di genocidio

Share this on WhatsAppdi Daniele Santi, twitter@gaiaitaliacom     Di immigrati si parla molto; direi che se ne parla troppo e solo per approfittare di loro. Chi ne parla per incolparli, chi per difenderli, chi per accoglierli, chi per riportarli a casa loro, chi per approfittarne, chi per trombarseli, chi ...

Segnalati a Facebook (e fatti bloccare) per un articolo scomodo: viva la libertà

Share this on WhatsAppdi Il Capo,  twitter@gaiaitaliacom     Qualche giorno fa abbiamo pubblicato uno dei numerosi articoli de I Ragazzi di Tehran su una delle tante “missioni” di Federica Mogherini in Iran. L’articolo si soffermava sui “danni” che la figura di Mogherini paludata nel velo tipico imposto alle donne ...

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi