Pubblicità
17.5 C
Roma
16 C
Milano
martedì, Aprile 16, 2024
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeLa Pagina de La LuridaLa Lurida: cronaca disperata di un viaggzio in treno ne la czivile...

La Lurida: cronaca disperata di un viaggzio in treno ne la czivile Emiglia Romagna

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram
Un treno Intercity di Trenitalia che con la nostra storia, non c'entra niente. Ma tanto per sognare...
Un treno Intercity di Trenitalia, che con la nostra storia non c’entra niente. Ma tanto per sognare…

di La Lurida  twitter@LaLurida

 

 

Eccoczi. Apena rientrate dopo che siam partite (un plurale che serve per darczi un tono, che non siam micca come vojaltre ordinarie), stamatina a le 6 che dovevam andare a Ravenna e poi a Modena, e pasar oviamente per Bolonia. Czi siam sveliate a le 6 che si stava beneeeeeee, come averczi nel letto un bel pupo di trent’anni che sa cosa fare di noi. Ecco alora, czi alziamo e andiamo a la stazione. Prima puntata Ravenna. facziam quel che dobiam fare e czi incamiamo ancora verso la stazione. ‘Riviamo. Un algzerino bello come un angzelo czi incroczia e czi fa czenno che i czessi son viczini, mo’ non si può. Cz’avessi vent’anni di ti facczio cascar per terra morto dal gusto, mo’ a la mia età non si può più. Così ri-prendiam il treno destinazione Modena e cz’ariviamo mezzi morti. Dunque: 33 gradi, i czessi che ne funziona uno su duemila, un interegzionale velocze con tutti i finestrini chiusi, c’at vegna un cancher!, con l’aria condizzionata che non va neanche a tirar delle madonne che fumano e naturalmente la classica porta che non funziona. Mo’ c’è il cartello. Il treno per fortuna è puntuale, chè a la andata cz’avevam ‘vuto un ritardo di una mez’ora che per una che cz’ha del tempo da perdere va anche bene, mo’ a la mia età che son lì che tra un po’ crisantemi e omaggzi floreali che altro che pasato glorioso, se di tempo ne perdo poco è anche melio. Dunque, ‘rivo a Modena, facczio quel che devo fare e torno indietro. A Bologna, quasi muoio, compro una botilia d’acqua al modico prezzo di due euri e dieczi centesimi, che ci serviranno per la carta igienica i dieczi czentesimi, gzentalia della grassa Bologna czivilissima dove cz’è tutto per tutti. Poi finalmente Imola. E son qua che scrivo. Anzi scrivevo. Che dopo un gziorno così – czi mancan sol le foto mo’ son gzià lì che le metiam su – propprio non voglio far gnente. E viva l’Itaglia.

 

 

Trenitalia 00 WcTrenitalia 01 porte

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Trenitalia 02 temperatura

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

P.S. L’ultima è sfocata, mo’ mi tremava la mano, che cz’ho n’età…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(21 luglio 2015)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2015 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

Pubblicità

LEGGI ANCHE