Pubblicità
sabato, Aprile 20, 2024
11.1 C
Roma
11.4 C
Milano
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeCopertinaLa Russia decide che a Srebreniça non ci fu genocidio: veto all'Onu...

La Russia decide che a Srebreniça non ci fu genocidio: veto all’Onu e Serbi contenti

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Srebreniça Massacrodi Daniele Santi

 

Il viscido disprezzo per ogni azione che possa configurarsi come “anti-russia” e che rischi di minare i piani neosovietici del nuovo Zar di tutte le Russie, viene prontamente sabotata dagli abili manovratori del potere del Cremlino con disprezzo di qualsiasi verità, qualsiasi evento per quanto disumano, qualsiasi manovra, per quanto orribile.

 

La Russia ha posto infatti il veto sulla bozza di risoluzione al Consiglio di Sicurezza dell’Onu che avrebbe dovuto condannare il massacro di Srebreniça come genocidio: vent’anni fa, durante la guerra ella ex-Jugoslavia, vennero uccisi nella località almeno ottomila tra uomini ed adolescenti musulmani. E a vent’anni da quella strage orribile i potenti del mondo, questa accozzaglia di psicopatici, continuano a non prendere una decisione nemmeno per una risoluzione di condanna. Non solo la Russia pone il veto sulla condanna come genocidio, ma Cina, Nigeria, Angola e Venezuela, si astengono.

 

L’ambasciatore russo all’Onu, Vitaly Churkin, ha motivato il veto definendo la bozza “non costruttiva, aggressiva e politicamente motivata”. Detto dall’Ambasciatore di uno stato che dell’aggressività e delle invasioni agli stati confinanti (leggi ucraina, ma anche Georgia)  ha fatto la sua bandiera in nome di un neoespansionismo destabilizzante, suona ancor più minaccioso.

 

 

La Serbia si prostra definendo Putin e la Russia alleati “affidabili”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(9 luglio 2015)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2015 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

Pubblicità

LEGGI ANCHE