Pubblicità
martedì, Aprile 23, 2024
10.6 C
Roma
5.5 C
Milano
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeLa Pagina de La LuridaLa Lurida, quando a 20anni invecze d'andare in tivù a cretinare czi...

La Lurida, quando a 20anni invecze d’andare in tivù a cretinare czi si trombava a sangue

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Trombare Networkdi La Lurida  twitter@LaLurida

 

Son rimasta lì come una sema a pensare che insoma quel ragazino, lì, un bel ragazino anche, con un bel faczino, poi l’eloqquio va bene lasia a desiderare, insomma non sembra micca che cz’abbia una gran testa, due czioè, un czi sta e via che abiam gzià fatto il discorso, e spiegato il conczetto, quel ragazino lì diczevo invecze di andare in televisione a far la figura de l’asino poteva spasarsela melio infilando il coso – se gli funziona – in un qvalche pertugzio in quell’eserczizio pelvico tanto gradevole o esplorarne una delle tante varianti.

 

Lo dico da esperta.

 

Ai miei tempi, che son tempi antichi, si trombava a sangue, come diczeva mia nonna quando fare una cosa a sangue voleva dire darczi dentro intensamente gzià da gziovani. E’ vero che non cz’erano micca tutti gli istrumenti che lo tiri fuori, lo fai vedere su uno schermo, ejaculi e poi cziao czia tutto bello contento vai in plestra che la tua vita è tutta una vanità, no no. Si trombava proprio per il gusto che poi in fondo la trombata era poi anche la vita, czioé cz’era la conqvista, cz’era l’energzia, ti sentivi vivo che l’avevi messo da qualche parte (che io da gziovane gziovane lo metevo anche da qualche parte, adesso invecze l’ho messo via e punto), ed era anche bello perché cz’era un po’ di sento di colpa, mo l’avevi fatto ed era bello…

 

Adesso spaccan le vetrine. Tiran dei cancheri sui Soczial. Dan la colpa a quel cristo e a quel’altro. Czi tiran dei cancheri a tutti. No quel lavoro lì non lo facczio perché devo andarczi di notte dallo a un negro. E poi che czi venga un canchero al negro che mi porta via il lavoro. E poi l’anno sabatico dopo l’università che tanto paga papi. E poi l’anno disperato che finise l’anno sabatico o dio non mi so più adatare a l’Itaglia – che potevi anche star fuori invece di scancherarczi la vulva a noialtre.

 

Insomma, gzente che non tromba più, non vive più.

 

Boh?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(5 maggio 2015)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2015 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

Pubblicità

LEGGI ANCHE