31.6 C
Roma
30.5 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
pioggia leggera
25.7 ° C
26.5 °
24.4 °
65 %
1kmh
0 %
Ven
26 °
Sab
26 °
Dom
21 °
Lun
26 °
Mar
26 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeCopertinaAi partner del Golfo del Kuwait non piace il dito in culo...

Ai partner del Golfo del Kuwait non piace il dito in culo per avere il visto d’entrata

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Arabo-Sauditadi Paolo M. Minciotti

Il Bahrein ha bocciato la proposta del Kuwait di introdurre [sic] visite mediche ad hoc per stabilire se qualcuno sia gay o no prima di permettergli l’entrata nel paese definendola “folle”. Anche gli altri paesi dell’area paiono non essere esattamente entusiasti della proposta, dato che dichiarazioni ufficiali non ce ne sono state.

Capirete che in certe aree ad alta frequentazione omosessuale dove di quel certo piacere non si parla, si potrebbero anche scoprire altarini nascosti, che magari non proprio tutti potrebbero essere contenti di vedere messi in piazza. Il rifiuto della proposta non viene da uno qualunque, o da un’associazione per i diritti umani, argomento che il regime del Kuwait tratta come la carta igienica, viene da un eminente membro del parlamento del Bahrein, accreditato probabilmente dallo stesso sovrano, quindi non va presa sotto gamba.

Ahmed Al Sa’ati, questo il suo nome, ha bollato la proposta come “una chiara violazione dei diritti umani” e l’ha definita oltre che “folle” anche “inapplicabile”.

 

 

 

 

[useful_banner_manager banners=8 count=1]

©gaiaitalia.com 2013
tutti i diritti riservati
riproduzione vietata

[useful_banner_manager banners=16 count=1]

 

 

 

 

 

Roma
cielo sereno
31.6 ° C
33.5 °
29.1 °
41 %
3.1kmh
0 %
Ven
30 °
Sab
34 °
Dom
34 °
Lun
31 °
Mar
34 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE