Pubblicità
sabato, Aprile 20, 2024
11.1 C
Roma
10.1 C
Milano
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeLa Pagina de La LuridaSe Berlusconi pronuncia la parola gay deve essere proprio alla frutta

Se Berlusconi pronuncia la parola gay deve essere proprio alla frutta

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Berlusconi09de La Lurida twitter@LaLurida

La disperata ricerca di voti di Al Tappone lo ha fatto scivolare su temi inaffrontabili per un figaiolo di sì spudorata voracità. L’Ometto che diceva “meglio guardare le belle ragazze che essere gay”, che è riuscito a resuscitare il Patto con la Lega, reinventore del Nuovo che Avanza (nel senso che si può buttare via), il leader (sic) politico la cui coalizione è riuscita a paragonare l’omosessualità all’incesto, alla zoofilia, alla pedofilia, alla poligamia, che con le sue eeccezioni di costituzionalità ha impedito l’approvazione della legge contro l’omofobia, è riuscito a pronunciare la parola gay senza che ‘ce veniss:

a) un subitaneo senso di soffocamento
b) un ictus dovuto all’innalzamento della pressione dovuto all’orrore
c) l’immediata scomunica vaticana
d) il plauso di Calderoli
e) ‘na mossa.

Un effetto che nemmeno l’onnisciente Unto e Bisunto del Signore riusciva ad immaginare è stata l’ilarità che il suo povero annuncio, ché annuncio da poveraccio non si dice, che suona offensivo, ha suscitato sulle reti sociali tra gay e non gay.

Certo, una masnada di sfrante incolte che hanno come dio Dolce & Gabbana disposte a credergli, alcune ce le ha proprio dentro la sua santa coalizione, le troverà di sicuro, ma il colpo a sorpresa dell’okay alle coppie omosessuale proprio non ci è riuscito.

Al Tappone perde colpi. La Faccia tosta non la perde.

Pubblicità

LEGGI ANCHE