Pubblicità
lunedì, Aprile 22, 2024
11.9 C
Roma
6.9 C
Milano
Pubblicità
PubblicitàBritish School Banner 2023

POLITICA

PubblicitàLancio Master 2023 Limited Edition

ESTERI

Pubblicità
Pubblicità
HomeCopertinaScelgono la divisione sociale e per puro interesse elettorale se la prendono...

Scelgono la divisione sociale e per puro interesse elettorale se la prendono con gli alunni di origine straniera

GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

di G.G.

Che le classi miste rallentino l’apprendimento di tutti, soprattutto quando un nuovo alunno che non parla italiano arriva, sta nella normale amministrazione dell’attività ordinaria di una scuola, una scuola qualsiasi. Ricordo del resto che ai tempi delle mie scuole elementari c’erano alunni più in difficoltà di altri che rallentavano la classe. La differenza stava nel  fatto che gli insegnanti si preoccupavano che tutti imparassero. E non c’erano politici che facevano della squallida propaganda elettorale sulla pelle altrui per limitare i danni di una caduta libera che pare inarrestabile.

Certamente le classe troppo affollate non aiutano l’apprendimento, così come è certo che la propaganda sui limiti numerici degli stranieri nella classi – come finge di non ricordare una sinistra dalla memoria corta e la troppo lunga voglia di essere mondata dei suoi peccati, non sarà Schlein capolista a ridonare una verginità perduta – di qualunque nazionalità, additandoli come responsabili della mancanza di preparazione dei nostri alunni è un’idiozia e mira alla divisione sociale più che al benessere delle nostre scuole.

E’ un po’ come quelli che hanno imposto il numero chiuso a Medicina e adesso sono furiosi perché i medici non sono sufficienti a coprire il fabbisogno della Sanità italiana. E poi ci sono i tweet di Valditara, che un po’ di endorsement a Salvini qualcuno deve pur darglielo.


Ma in pezzo a tutta questa propaganda inconcludente che mira non alla crescita culturale ed economica del paese, ma solo all’ingrasso delle percentuali di elettori, a qualcuno interessa il futuro delle nostre scuole e dei nostri ragazzi (italiani o stranieri che siano)? No. Tanto la questione sparirà dalle cronache subito dopo le elezioni di giugno.

(28 marzo 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità

LEGGI ANCHE