20.7 C
Roma
17.8 C
Milano
Pubblicità
Pubblicità
Torino
nubi sparse
13.6 ° C
15.5 °
12.1 °
96 %
2.6kmh
62 %
Mar
21 °
Mer
22 °
Gio
25 °
Ven
26 °
Sab
24 °

POLITICA

Pubblicità

ALTRA POLITICA

Pubblicità

ESTERI

Pubblicità
HomeCopertinaModena la Czivile e i manifesti omofobi contro la "schiavitù" dei matrimoni...

Modena la Czivile e i manifesti omofobi contro la “schiavitù” dei matrimoni egvalitari. Mo andate in casino!

Pubblicità
GAIAITALIA.COM NOTIZIE anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Modena manifesto omofobodi La Lurida  twitter@Lalurida

 

 

 

 

 

 

Insomma quella czità lì che si vende in tutto il globo come l’esempio fulgzentissimo de la toleranza e de l’amore per qvegli altri, basta che vangan da Modena e che non dian troppo ne l’occhio se no czi stai gzià sui maroni, insomma quella czità lì che i modenesi son bravi a buoni e czivili cz’ha tutta una atività di omofobia spaventosa e ignorante, che son ignoranti come le bestie in que la czità lì, che fan spavento tanto son pidocchi rifatti con la vileta e il canczello di ferro sbatuto, che ‘riva fin al manifesto che paragona la schiavitù col matrimonio egvalitario, di un’omofobia senza limiti e che più falso non si può. Che cz’è anche una petizione su Czeing di uno che di questa roba non ne può più che cz’ha anche scritto al Sindaco di Modena due volte e dicze che il Sindaco non cz’ha micca risposto, che va anche bene che non czi risponda li faczesse toliere quei manifesti lì…

 

Mo’ cz’è la democrazia a Modena, cosa credete, una democrazia che come cz’è lì non cz’è da nesuna parte chè loro son buoni a far tutto: umani, disponibili e sempre a l’avan guardia come cze ne son pochi, che fan perfin schifo dio scapato. E buoniiiiiii… Non cze n’è uno buono come loro… Che cz’era uno tanti anni fa che conosevo che cze l’aveva con tutti froczi del mondo, che li odiava e s’era sposato, poi sua moglie l’ha becato con uno e l’ha mandato a dar via l’organo… E lui che è sparito da la vergogna. Solo quello san fare. Aver vergogna…

 

Poi cz’è anche l’Arczigay a Modena che serve tanto ai modenesi come quella nazzionale serve al paese, che fa anche un comunicato stampa su la storia, di un coraggzioooooooo, mo’ di un coraggzio che aiutatemi…

 

Oggi, proprio oggi (czi si riferisce al 25 novembre, gziorno contro la violenza a le donne, nota de La Lurida), in cui ci preparavamo a dedicare anche noi la piena attenzione a questo 25 novembre, qualche politico in cerca di visibilità ha deciso di sputare in faccia a tale ricorrenza con manifesti che paragonano ancora una volta le unioni fra persone dello stesso sesso alla compravendita e alla mercificazione di bambini, e la definiscono “una nuova schiavitù”; nell’immagine, una miniatura che rappresenta una schiava di colore che implora degli uomini bianchi per la vita del figlio neonato. Questo ci dice l’immagine. Le coppie dello stesso sesso sono qui per strappare i figli alle madri, divorarli nella loro sete di possesso, esistono solo per quello. E le donne sono loro schiave.

Le donne che sono le nostre madri, le nostre sorelle, le nostre amiche, le nostre compagne, persino le nostre figlie. Le nostre figlie e i nostri figli che questi mestieranti della politica, questi sciacalli della paura vorrebbero lasciare senza diritti, così come senza diritti siamo noi. Ci vogliono tenere tutte e tutti schiavi della loro visione distorta del mondo, del loro odio, della loro paura di un mondo in cui le donne hanno pari dignità e opportunità, in cui essere gay o eterosessuale o bisessuale non sarà più un discrimine per i diritti civili, in cui non basterà puntare il dito verso una minoranza e urlare “alla strega!” per diventare leader di una massa senza coscienza, in cui tutti saremo rispettati e valorizzati per ciò che siamo. E ci sputano in faccia in questo modo spudorato, a tutti noi, donne, omosessuali, transessuali, eterosessuali che credono nella parità e nella dignità delle persone, perché sanno di stare perdendo.

 

 

Un coraggzio de la madonna questi di Arczigay di Modena che per difendere il diritto ad essere quel che si è, tirano in ballo la violenza su le donne, quando invecze il manifesto dicze chiaro quello che non voliono quelli lì che son buoni solo loro e che si dimenticano dei preti pedofili e di tutta la brutta gzente che è marczia dentro e dà la colpa ai froczi.  Modena è proprio quella cosa lì: quella cosa che non si ha nemeno il coraggzio di risponder per le rime che non si sa mai che la rompiamo quella pacze socziale, che è poi un deserto culturale che fa spavento dio scapato, che czi fa andare tutti in vasca – diczeva Tondelli  – come se czi volessimo bene, mo’ non cze ne frega un cazzo a nesuno di nesuno. E anche i froczi van bene basta che stian zitti. Modena la czivile…

 

Si dovrebbero vergognare i Signori di questa czità: il sindaco, gli asesori, l’arczigay, i modenesi e quelli di area popolare. Non cz’han nemeno il coraggzio di combatterla fino in fondo quella brutta facczia che cz’han dentro e che si tengon nascosta per vederla solo loro…

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(2 dicembre 2015)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2015 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

Roma
nubi sparse
20.7 ° C
21.8 °
18 °
41 %
0.5kmh
65 %
Mar
26 °
Mer
28 °
Gio
31 °
Ven
34 °
Sab
37 °
Pubblicità

LEGGI ANCHE