11.8 C
Roma
lunedì, Aprile 12, 2021
HomeCopertinaIran. Celebrazione di regime mentre continuano gli impietosi abusi dei diritti umani....

Iran. Celebrazione di regime mentre continuano gli impietosi abusi dei diritti umani. Ragazzi di Tehran

Pubblicità

di Redazione, #Iran

Mentre il regime iraniano celebra i 42 anni dalla Rivoluzione khomeinista e mentre il Ministro degli Esteri di Teheran, Javad Zarif, va a predicare la bellezza della Repubblica Islamica davanti ai diplomatici stranieri, in Iran continuano impietosi gli abusi dei diritti umani.

L’ultimo caso, quello più clamoroso, è la condanna a due anni di carcere per otto iraniani di fede Baha’i, la cui colpa, per l’appunto è solo quella di professare una fede millenaria, che però non viene riconosciuta dai fondamentalisti ora al potere nella Repubblica Islamica.

Il 2 febbraio scorso, la Sezione 2 della Corte di Appello di Hormzgan – presieduta dal giudice Mashaleh Afsharpour e dal suo consigliere Ebrahim Mohammadi – ha confermato la condanna a pene che variano da uno a due anni di carcere, per Maral Rasti, Arash Rasekhi, Nasim Ghanavatian, Mahnaz Janansar, Mehrollah Afshar, Omid Afaghi, Farhad Amri e Adib Haghpajooh.

Tutte queste persone sono state arrestate nell’aprile del 2017 presso Bandar Abbas e Gheshm, con l’accusa di propaganda contro lo Stato e minaccia alla sicurezza nazionale. La prima condanna contro questi fedeli Baha’i è stata emessa il 12 dicembre del 2020 dalla Sezione 2 del Tribunale Rivoluzionario di Bandar Abbas, presieduto dal giudice Blade. Le condanne sono state emesse in in base all’articolo 610 e 500 del Codice Penale islamico, diretti a coloro che svolgono opera di propaganda contro la Repubblica Islamica (all’interno del quale rientrano i Baha’i, non riconosciuti dalla Repubblica Islamica).

Come suddetto, le condanne sono state confermate in appello il 2 febbraio scorso. Qui, tra le motivazioni della conferma delle condanne, il giudice Afsharpour ha chiaramente detto che i Baha’i non possono godere dei diritti previsti dall’articolo 22 della Costituzione iraniana, che ufficialmente dichiara come inviolabili la dignità, la vita, la proprietà, i diritti e la casa e l’occupazione dei cittadini iraniani. Ciò perché nella norma costituzionale è scritto anche “a meno che la legge non prescriva diversamente”. Secondo il giudice quindi, i diritti fondamentali dei cittadini iraniani di fede Baha’i non sono riconosciuti, perché per l’appunto si tratta di una “setta moralmente deviata” e illegale.

La nuova pena emessa contro questi poveri otto iraniani, è la nuova dimostrazione delle persecuzioni a cui i Baha’i sono da anni costretti a subire nella Repubblica Islamica. Contro di loro il regime perpetua una vera e propria politica di esclusione, non solo vietando di professare questa fede, ma anche negando molto spesso ai Baha’i il diritto a trovare una occupazione, il diritto ad un salario pari a quello degli altri connazionali e il diritto a godere dell’accesso alla pubblica istruzione. Uno stato di vero e proprio apartheid, che deve essere condannato fermamente dalla Comunità Internazionale.

 

(11 febbraio 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 



Pubblicità
Pubblicità

SEGUITECI

4,403FansMi piace
2,388FollowerSegui
114IscrittiIscriviti

DA LEGGERE

Pubblicità

POTREBBERO INTERESSARTI

POTREBBERO INTERESSARTI

Pubblicità
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi