25.4 C
Roma
lunedì, Settembre 27, 2021

Gli Ayatollah condannano alla pena capitale Navid Afkani, noto werstler iraniano. I Ragazzi di tehran

di Redazione #Iran twitter@gaiaitaliacom #NoPasdaran

 

La Corte Rivoluzionaria di Shiraz ha condannato alla pena capitale Navid Afkani, noto werstler iraniano, accusato di minaccia alla sicurezza nazionale per aver partecipato alle proteste anti-regime dell’agosto del 2018 (quelle scoppiate per motivi economici, dopo la perdita di valore del Rial).

Secondo l’accusa, Afkhani – con i suoi due fratelli Vahid e Habib – prese parte alle proteste scoppiate non solo a Shiraz, ma anche a Kazerun. In quelle occasioni, ci furono duri scontri tra manifestanti e polizia, che causarono la morte di un manifestante e tre poliziotti (ma questo secondo le fonti ufficiali della stampa iraniana).

Il giudice del Tribunale Rivoluzionario di Shiraz ha accusato Navid e i suoi fratelli di aver creato un gruppo che aveva lo scopo di agire contro il regime e di essere responsabile della morte di un agente. Per queste accuse, come suddetto, Navid ha ricevuto due condanne a morte, sei mesi di carcere e 74 frustate (condanne tutte confermate in appello). I fratelli di Navid, sono stati invece condannati a condanne che variano dai 27 ai 54 anni di carcere e, anche loro, a subire 74 frustate.

L’agenzia Hrana ha pubblicato una lettera (in basso) di Navid Afkari, in cui dichiara di aver confessato l’omicidio dell’agente solamente dopo essere stato sottoposto a torture (tra cui la testa chiusa in una busta di plastica e l’alcol versato nelle sue narici).

 

(1 settembre 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 




POTREBBERO INTERESSARTI

4,637FansMi piace
2,370FollowerSegui
119IscrittiIscriviti
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: