Home / Copertina / I numeri sul Coronavirus che l’Iran non dice. I Ragazzi di Tehran

I numeri sul Coronavirus che l’Iran non dice. I Ragazzi di Tehran

di Redazione #Coronavirus twitter@gaiaitaliacom #Iran

 

Secondo una ricerca esclusiva di Radio Farda, sarebbero almeno 927 i morti per Coronavirus in Iran.

La ricerca esclusiva è frutto della somma dei vari numeri sui decessi che arrivano dalle 31 province iraniane e da altre fonti tutte legate al Ministero della Salute di Teheran. A proposito della capitale, sempre secondo Radio Farda, i deceduti nella sola Teheran sarebbero almeno 173.

Sono numeri estremamente distanti da quelle forniti dal regime, che ad ora dichiara 237 persone decedute per il Covid-19. Non solo, ad oggi il Governo si rifiuta di dare il numero delle vittime nella città di Qom, ovvero l’epicetro del focolaio di Coronavirus in Iran. Ricordiamo che, ancora oggi, il Governo non ha imposto la quarantena nella città di Qom, per il suo ruolo a livello religioso (è la seconda città santa per gli sciiti, dopo Najaf in Iraq). Qui però l’estremismo religioso ha portato numerosi fedeli a leccare i luoghi sacri per dimostrare di non temere il virus, con effetti devastanti a livello sanitario. Secondo Radio Farda, i morti a Qom sarebbero almeno 120.

Il virus ha colpito anche numerosi esponenti del regime. Una parlamentare è deceduta pochi giorno fa e numerosi altri sono risultati positivi al virus. Tra i morti, anche un alto funzionario membro del Consiglio per il Discernimento e l’ex Ambasciatore iraniano in Vaticano. Tra i contagiati, una delle Vice Presidenti iraniane e il Vice Ministro della Sanità, che solamente il giorno prima di apprendere del suo contagio, aveva negato la necessità della quarantena nella Repubblica Islamica.

La Guida Suprema ha cancellato il suo annuale discorso da Mashhad – altra città sacra sciita – per il nuovo anno Persiano (il nowrouz, che cadrà il 20 marzo). Nel frattempo la gestione dell’emergenza è praticamente tutta nelle mani dei Pasdaran, che hanno praticamente militarizzato il Paese, schierando anche le milizie Basij.

 

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 




Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Comments

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi