Home / Coherentia et honestate / Alabama: la Sharia americana contro l’aborto. Ora tornino anche allo schiavismo

Alabama: la Sharia americana contro l’aborto. Ora tornino anche allo schiavismo

di Daniele Santi #Alabama twitter@gaiaitaliacom #Sharia

 

L’Alabama ha votato una legge che proibisce l’aborto in tutte le sue forme e condanna il medico che dovesse praticarlo a 99 anni, sì 99 anni di carcere. La motivazione di uno dei tanti senatori integralisti americani, sì proprio quelli che accusano d’integralismo l’Iran, è che l’uomo non può mettere la mano dove dio ha messo la vita.

Ora è noto che confondere le acque mettendo dio dove gli uomini fanno porcate, e non parlo del sesso, ma parlo di ogni restrizione alle libertà individuali, è tipico della teocrazia islamiste soltanto che in quelle teocrazie islamiste si chiama sharia, ed è invisa alla democraticissima america, patria di tutte le libertà [sic] e democrazie [sic]. Posto che da bambino ho visto mia madre costretta ad abortire per problemi di salute suoi e del futuro nascituro e la sua sofferenza, che ho ancora ben chiara nella memoria, ha cambiato completamente e per sempre la mia percezione dell’atto dell’aborto, e non vado oltre, ai bravi legislatori darei arrogantemente un paio di consigli: reintrodurre la schiavitù, magari grazie a qualcuno che si sveglia una mattina e racconta essergli stata suggerita da un qualche dio; smetterla di accusare l’Iran di essere un teocrazia che si basa sulla sharia, perché l’Alabama, e le presidenze Bush e Trump, dimostrano che gli USA, patria di tutte le libertà e democrazie [sic], sono una teocrazia esattamente come il loro acerrimo nemico mediorientale.

 





 

(16 maggio 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 


 

 

 




 

 

Comments

comments

Server dedicato
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi