Home / Copertina / Ragazzi di Tehran: I Pasdaran arrestano 11 volontari arabi che distribuiscono cibo e coperte alle vittime delle inondazioni

Ragazzi di Tehran: I Pasdaran arrestano 11 volontari arabi che distribuiscono cibo e coperte alle vittime delle inondazioni

di Ragazzi di Tehran #Pasdaran twitter@gaiaitaliacom #Iran

 

Per coprire i suoi fallimenti nell’aiutare le popolazioni colpite dalle terribili inonadazioni che hanno colpito l’Iran, il regime ha deciso di punire tutti coloro che mostrano il dramma del disastro ambientale, o che portano aiuti alle vittime senza autorizzazione.

Per questo, dopo le minacce della polizia – vietato pubblicare sui social video e foto delle inondazioni, pena il carcere – ora gli agenti dei Pasdaran hanno arrestato 11 arabi-iraniani che, in questi giorni, si sono prodigati per portare cibo e coperte alle vittime delle inondazioni nel villaggio di Gurieh, Provincia del Khuzestan. Gli 11 attivisti sono stati arrestati il 7 aprile presso la citta’ di Mahshahr.

Degli 11 arrestati, si conoscono i nomi di sole due persone: Ahmad Ka’bi e Yaghoub K’abi, arrestati senza alcuna ragione ufficiale, dopo aver discusso con le autorità del regime proprio per gli aiuti che portavano volontariamente. Ricordiamo che, ad oggi, i morti per le inondazioni sono stati almeno 77 e i feriti superano le 1000 persone.

Il comportamento repressivo del regime contro i volontari non deve stupire: è capitato già in passato, quando il regime non riuscì ad aiutare le vittime di terribili terremoti – ad esempio nel 2013, quando venne arrestato nuovamente anche il blogger e attivista Hossein Ronaghi-Maleki. D’altronde, solamente l’8 aprile scorso, era stato postato un video in cui davanti alle rimostranze di un anziano arabo-iraniano al Governatore del Khuzestan (“invece di mandare i soldi in Siria, aiutate noi iraniani!”), il Governatore Gholamreza Shariati rispondeva accusando l’uomo di essere “un nemico dello Stato”.

Ecco cos’e’ l’Iran clericale del 2019: un regime che, alla vita e alla sicurezza dei suoi cittadini, preferisce inviare i soldi ad Assad, reprimere chi esprime dissenso e censurare chi mostra la verità dei fatti.

 

 




 

 

(15 aprile 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 


 

Comments

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi