Da non perdere
Home / I Ragazzi di Tehran / Ragazzi di Tehran: “Caro Alfano, se il Libano è disunito la colpa e di Hezbollah cioè dell’Iran”

Ragazzi di Tehran: “Caro Alfano, se il Libano è disunito la colpa e di Hezbollah cioè dell’Iran”

di Ragazzi di Tehran #ragazziditehran twitter@RagazzidiTehran #Esteri

 

 

In queste ore la Farnesina ha pubblicato un comunicato stampa ufficiale, in cui il Ministro degli Esteri Alfano esprime il sostegno italiano per un Libano stabile, unito, sovrano e indipendente. Ovviamente, si tratta di un comunicato che arriva come risposta a quanto sta accadendo in queste settimane in Libano, dopo le dimissioni del Primo Ministro Saad Hariri, annunciate non da Beirut, ma dall’Arabia Saudita.

Altrettanto ovvio è che la nuova Arabia Saudita di Mohammed Bin Salman, abbreviato MbS, sia in estrema difficoltà nella sua guerra al regime iraniano, sia per l’impantanamento in Yemen, che per le rivalità interne al regime wahabita. Ecco allora che, la destabilizzazione del Libano, rientra nella strategia di colpire Teheran, sperando nell’ingresso diretto nella partita anche di Israele e degli Stati Uniti di Trump.

Detto questo, non è assolutamente possibile cominciare a parlare oggi dell’assenza di un Libano unito, stabile e sovrano. Se questo Libano non esiste, non lo si deve certo al trentenne MbS, ma alle politiche del regime iraniano dagli anni ’80 del precedente secolo, ad oggi.

E’ stato il regime iraniano, infatti, a creare Hezbollah, diventato un vero e proprio Stato nello Stato, non solo come partito, ma soprattutto come milizia paramilitare, agli ordini diretti dei Pasdaran iraniani. In questa veste, Hezbollah ha attaccato Israele nel 2006, provocato una guerra che ha sfiancato il Libano, rifiutato di disarmarsi nonostante un’apposita risoluzione ONU e deciso di entrare direttamente nel conflitto siriano.

Ecco allora che, rilette in questi termini, le parole del Ministro Alfano – per quanto formalmente corrette – risultano assolutamente parziali e incapaci di avere un effetto pratico. Se davvero la diplomazia italiana vuole un Libano stabile, sovrano e unito, non è dalle dimissioni di Hariri che deve iniziare a riflettere, ma dall’esistenza stessa di Hezbollah.

Senza ridimensionare Hezbollah, ovvero senza renderlo veramente una entità meramente politica, indipendente dal mostro che l’ha creato – ovvero l’Iran – non sarà mai possibile per il Libano definirsi Stato, almeno nel senso weberiano del termine…

 

Link:

http://www.esteri.it/mae/it/sala_stampa/archivionotizie/comunicati/alfano-sostegno-dell-italia-a-unita.html





(13 novembre 2017)

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

 

Comments

comments

Server dedicato
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi