Home / Copertina / Iran-Italia: annullata la conferenza stampa tra Alfano e Zarif. perché?

Iran-Italia: annullata la conferenza stampa tra Alfano e Zarif. perché?

foto dall’account twitter di Tiziana Ciavardini

di Ragazzi di Tehran, twitter@RagazzidiTehran

 

 

 

 

Il 28 giugno scorso, alle 19.30, era prevista alla Farnesina la conferenza stampa tra il Ministro degli  Esteri italiano Alfano, e il suo omologo iraniano Zarif. Nonostante la conferenza stampa fosse stata tutta organizzat, i due Ministri non si sono presentati davanti ai giornalisti accreditati, come denunciato da Tiziana Ciavardini de Il Fatto Quotidiano su Twitter.

Zarif, purtroppo, era in Italia per un tour diplomatico che, prima di atterrare a Roma, lo aveva visto visitare la capitale tedesca Berlino. Qui, nonostante il sostegno espresso dal governo tedesco all’accordo nucleare, Zarif era stato pubblicamente rimproverato dal suo omologo tedesco, per le continue minacce di morte dell’Iran ad Israele.

Arrivato in Italia, Zarif ha preso parte ad un evento presso il Council of Foreign Relations Europe – un evento a porte chiuse… – e incontrato il Premier Gentiloni, la Presidente della Camera Boldrini e il Ministro degli Esteri Alfano. Incontri in cui, secondo le pochissime informazioni uscite sulla stampa – ripetiamo: pochissime – si è discusso solamente di promozione dei rapporti bilaterali e problematiche regionali.

Solo Boldrini, a quanto pare, ha flebilmente sollevato il tema dei diritti delle donne, ma si è beccata la risposta di Zarif che – a dispetto delle leggi iraniane – ha “evidenziato che nella società iraniana le donne sono ormai maggioranza tra gli studenti e i giovani laureati, e negli ultimi anni sta aumentando anche il loro tasso di occupazione”. Peccato che, a queste stesse donne, in Iran è vietato andare in bici in pubblico, andare per strada senza velo e che, legalmente, la loro vita e la loro testimonianza valga metà di quella degli uomini…

Ad oggi, la ragione della cancellazione della conferenza stampa Alfano-Zarif è ignota, cosi come è ignota la ragione per cui – alla fine dell’incontro – le due parti hanno deciso di non rilasciare alcun comunicato stampa congiunto. Sarebbe interessante avere dalla Farnesina qualche spiegazione in merito, soprattutto per sapere se, alla base di queste anomalie, ci siano ragioni politiche di dissidio tra il Ministro Alfano e Zarif.

Come denunciato dal Partito Radicale Transnazionale, la visita di Zarif in Italia è stata trattata dalle autorità italiane e dai principali media nazionali, quasi come un segreto di Stato. Una vergogna, soprattutto considerando i continui abusi dei diritti umani da parte della Repubblica Islamica dell’Iran.

Da parte nostra, vogliamo sperare che la cancellazione della conferenza stampa Alfano – Zarif, sia frutto di dissensi politici tra le due parti. Sarebbe un messaggio positivo da parte della diplomazia italiana, in grado di denunciare le politiche vergognose e criminali del regime iraniano!

 

 

Link:

https://twitter.com/Tiziana_1967/status/880156985341214721

http://presidente.camera.it/18?shadow_comunicato_stampa=11597

http://www.radicalparty.org/it/content/ministro-degi-esteri-iraniano-zarif-italia-media-si-tolgano-il-bavaglio-dellautocensura-e-re

https://www.gaiaitalia.com/2017/06/26/ragazzi-di-tehran-il-ministro-degli-esteri-iraniano-zarif-in-italia-ecco-cio-che-il-governo-dovrebbe-chiedergli/ 

 

 

(30 giugno 2017)

 





©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

 

Comments

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi