Home / Copertina / Ragazzi di Tehran, ex funzionario USA: “Obama disse “no” alle investigazioni sull’Iran per salvare l’accordo nucleare”

Ragazzi di Tehran, ex funzionario USA: “Obama disse “no” alle investigazioni sull’Iran per salvare l’accordo nucleare”

di Ragazzi di Tehran  twitter@Ragazzi di Tehran

 

 

 

 

Un’accusa durissima è stata mossa contro la precedente amministrazione Obama, durante un’audizione presso la Commissione Esteri della Camera dei Rappresentati americana.

Durante un’audizione dedicata alle attività criminali di Hezbollah dello scorso 6 giugno, uno degli esperti invitati a testimoniare – David Asher – ha affermato che, l’Amministrazione Obama ha “sistematicamente dissolto”, ogni tentativo delle forze di sicurezza americane di investigare sulle attività di finanziamento del terrorismo del regime iraniano, di Hezbollah e del regime venezuelano.

La denuncia di David Asher va presa molto sul serio, perché proprio lo stesso Asher – prima di lavorare per il think tank Foundation of Defense Democracies – ha servito come consigliere del Generale John Allen presso il Dipartimento della Difesa e al Dipartimento di Stato del Governo americano.

Secondo Asher, al fine di raggiungere lo scopo prefissato – ovvero firmare l’accordo nucleare – l’Amministrazione Obama ha sistematicamente impedito ai funzionari delle agenzie investigative e di intelligence, di scavare in profondità nelle attività criminali illecite di Teheran e dei suoi proxy. In particolare, ha rimarcato l’esperto americano, durante gli anni in cui egli serviva come funzionario governativo, erano giunte informazioni relative ad un livello di cooperazione tra Teheran, Damasco e Caracas, senza precedenti. In questo contesto, agendo immediatamente, gli Stati Uniti avrebbero potuto colpire duramente il network finanziario che arricchiva l’organizzazione terroristica libanese Hezbollah.

La scelta di mettere i paletti tra le ruote alle forze di sicurezza da parte dell’Amministrazione Obama ha, secondo Asher, fatto perdere al Paese gran parte dei risultati conseguiti sino ad allora e delle opportunità di combattere il terrorismo internazionale.

 

Per queste ragioni, oggi il Paese deve ripartire da una eredita’ difficile, cercando di recuperare il tempo perduto per contrastare i traffici illeciti e il terrorismo del regime iraniano e dei suoi alleati nel mondo.

 

Link:

https://foreignaffairs.house.gov/hearing/hearing-attacking-hezbollahs-financial-network-policy-options/

 

 

 

(12 giugno 2017)

 





©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 



 

 

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0

Comments

comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi