Home / I Ragazzi di Tehran / Ragazzi di Tehran, quando Khamanei twitta: “Le donne occidentali sono sgualdrine per un complotto sionista”

Ragazzi di Tehran, quando Khamanei twitta: “Le donne occidentali sono sgualdrine per un complotto sionista”

di Ragazzi di Tehran  twitter@RagazzidiTehran

 

 

 

 

 

 

Oggi raccontiamo un tweet assurdo – l’ennesimo – della Guida Suprema iraniana Ali Khamenei. Scrivendo il suo pensiero sulla donna Occidentale, Khamenei ha scritto testualmente: “Sfruttare le donne come oggetti e mezzi per il piacere nel mondo Occidentale, molto probabilmente, è parte dei complotti sionisti per distruggere tutta l’umanità”.

 

Come sempre, se questo tweet non provenisse dalla figura più potente del regime iraniano, ci sarebbe da solamente da ridere. Uno di quei classici cinguettii in 140 caratteri che, sicuramente, finirebbero nel dimenticatoi della follia complottista. Come suddetto, purtroppo, l’autore del tweet non permette questo lusso. Con queste sue parole, nuovamente, Khamenei esprime tutto il suo disprezzo per l’Occidente e la sua cultura. Un disprezzo espresso pubblicamente e senza pudore, nello stesso tempo in cui in Occidente si fa la fila per accaparrarsi un contratto in Iran, in un Paese dove non c’è alcun rispetto dello Stato di Diritto.

 

 

In passato Khamenei aveva rimarcato come l’ideale di donna fosse Fatimah, la figlia del Profeta Maometto, capace di essere “madre, moglie e casalinga”. Perché, come aggiunto da Khamenei, se gli uomini e le donne non sono diversi in tema di spiritualità, lo sono per quanto concerne i doveri “nella gestione della vita”. Probabilmente Khamenei avrebbe voluto dire, nella gestione delle “faccende di casa…”.

 

Curiosamente e significativamente, il post di Khamenei è stato pubblicato nel giorno in cui in Occidente si festeggiava la festa del papà. Ennesimo messaggio indiretto per confermare quanto il leader del regime iraniano consideri la donna di grado inferiore rispetto all’uomo. Ricordiamo che in Iran le mogli debbono avere il permesso del marito per lavorare, per ottenere il passaporto e per lasciare il Paese. Non hanno diritto alla richiesta di divorzio e, in caso questo avvenga per concessione del marito, non hanno diritto alla custodia dei figli.




Link:

 

http://eaworldview.com/2017/03/iran-daily-supreme-leader-wests-treatment-of-women-is-zionist-plot/

 





(20 marzo 2017)

 

 

 

 

 

©gaiaitalia.com 2017 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 

Share and Enjoy !

0Shares
0 0
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne clicca su "leggi di più". Questo sito utilizza cookies di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. leggi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi